Beyoncé, XO: polemiche per aver usato l’audio del disastro dello shuttle Challenger

La cantante travolta dalle critiche per i sei secondi di apertura del brano contenuto nell’ultimo album

Beyoncè

Beyoncé ha ottenuto successo, prime posizioni in classifica e un ottimo riscontro da parte della critica internazionale con il suo più recente disco dall’omonimo titolo. Però, tra le tracce comprese nell’album, l’apertura di XO è stata ferocemente criticata. Il motivo è la scelta di utilizzata l’audio reale di un disastro avvenuto oltre vent’anni fa, quello dello Space Shuttle Challenger.

Era il 1986, precisamente il 28 gennaio, e dopo soli 73 secondi di volo, a causa di un guasto improvviso e imprevisto, fu distrutto. Morirono tutti i componenti dell’equipaggio, sotto gli occhi sconvolti di chi seguì la diretta tv del lancio.

La canzone d’amore XO si apre con sei secondi di un campionamento audio che originariamente era stato trasmesso nel periodo immediatamente successivo all’esplosione del 28 gennaio 1986, nella quale persero la vita tutti i sette membri.

June Scobee Rodgers, la vedova del comandante Dick Scobee, ha dichiarato di essere rimasta molto delusa nell’averlo riscontrato e riconosciuto nel pezzo di Beyoncé

“Il momento incluso in questa canzone è emotivamente difficile per le famiglie coinvolte nel disastro Challenger, per colleghi e amici. Abbiamo sempre scelto di non concentrarsi su come abbiamo perso i nostri cari, ma piuttosto su come vivevano e di come la loro eredità viva ancora oggi”

Immediata la risposta della cantante che si è scusata per il clamore e ha spiegato la scelta di inserire proprio quei pochi secondi all’inizio:

“Il mio cuore va alle famiglie che hanno perso i loro cari nel disastro Challenger. La canzone XO è stata registrata con la sincera intenzione di aiutare a guarire coloro che hanno perso i loro amati e per ricordarci che accadono cose inaspettate, per invitarci ad amare ed apprezzare ogni minuto che abbiamo con chi abbiamo maggiormente a cuore. Gli autori hanno inserito l’audio in omaggio al lavoro disinteressato e altruista dell’equipaggio Challenger con la speranza che non sia mai dimenticato”

Via | Usa Today