Beyoncé, il nuovo album piratato con 240.000 downloads in 7 giorni

Cifre altissime di copie scaricate illegalmente per l’ultimo disco di Beyoncé


L’ultimo album di Beyoncé
, dall’omonimo titolo, è stato tra i maggiori successi del 2013, nonostante sia uscito solo qualche settimana fa. Sappiamo tutti della decisione di pubblicare, via iTunes, il suo più recente progetto, senza alcun annuncio o promozione. Poteva essere un sonoro buco nell’acqua e invece si è trasformato in un evento di marketing decisamente interessante. A dimostrare che, forse, tutti questi singoli promozionali prima del rilascio del disco, non sempre riescono a garantire i frutti immaginati e previsti.

Adesso, in base ad una recente indagine, è stato scoperto che proprio il disco -Beyoncé- è stato anche scaricato illegalmente per 240.000 volte in una sola settimana. Copie altissime che, ad un prezzo fisso di 15.99$ ciascuna, avrebbe portato oltre 3,8 milioni di dollari di incasso e guadagno. E invece, i quattordici brani sono stati ascoltati e acquisiti in maniera illegale.

L’analista di dati musicali di Musicmetric ha spiegato che, a partire dal 18 dicembre, l’intero catalogo musicale di Beyonce è stato condiviso più di 2 milioni di volte attraverso il file sharing sito BitTorrent. Intorno a 240.000 di questi erano legati al suo nuovo album omonimo.

“L’utilità dei dati BitTorrent è che permette alle etichette discografiche di avere una visione incredibilmente dettagliata di quanto i loro artisti sono popolari – fino alla suddivisione per singola città. Anche se i numeri di file-sharing possono essere elevati, sarà possibile trasformare e tradurre molti di questi in ipotetici e potenziali acquirenti”

Il nuovo album di Beyonce è stato rilasciato inaspettatamente il 13 dicembre e ha venduto 617 mila copie nei primi tre giorni raggiungendo comodamente il primo posto della Billboard 200 e diventando il miglior debutto femminile dell’anno.

Via | AceShowBiz