Amorphis a Milano: foto-report del concerto all’Alcatraz

Scopri com’è andato il concerto del 26 Novembre, con il nostro live report

Ci avessero fatto ascoltare gli Starkill senza fornire alcuna informazione su di essi, avremmo indubbiamente pensato ad un qualche gruppo scandinavo, viste le chiare influenze black/death provenienti dai dintorni del Mar Baltico. Non sembra invece di assistere al concerto di un gruppo di quattro ventenni o poco più, provenienti dalla lontana Chicago! Lo show è tiratissimo e impeccabile, e spicca fra tutti il frontman chitarrista e cantante Parker Jameson, chiaramente emulo del ben più navigato Alexi Laiho dei finlandesi Children of Bodom.

Chi non necessita invece di presentazioni sono gli Amorphis, ormai sulla piazza da 25 lunghi anni e vera inossidabile icona heavy metal. Per la terza volta di fila passano dal nostro paese ad intervalli regolari di due anni, e coincidenza vuole sempre nel mese di novembre. “Circle” è l’ultimo studio-album fresco di stampa, ma la scaletta, com’è giusto che sia, spazia lungo l’intera discografia, attingendo addirittura dal primissimo “The Karelian Isthmus”, pubblicato nel lontano 1992. Perso il loro storico cantante ormai due lustri fa, gli Amorphis non potevano trovare sostituto migliore di Tomi Joutsen – a partire da “Eclipse” del 2005 – i cui dread chilometrici aggiungono un tocco coreografico che non guasta, a ricamare attorno ad una voce efficace tanto in ‘modalità’ clean che growl. Da quel momento i sei finlandesi hanno codificato uno stile che in sostanza si è sovrascritto alla deriva settantiana di album quali “Am Universum” e “Far from the Sun”, ed è andato ripetendosi nel tempo, se vogliamo con una costanza e coerenza invidiabili.

Anche per questo motivo i brividi sopraggiungono soprattutto quando si torna ancor più indietro nel tempo, con le immortali “My Kantele” e “Black Winter Day”. Unica nota stonata, come nel caso del concerto dei The Answer del giorno precedente, la scarsa durata dello show: da una formazione che già ora viene additata come fondamentale è lecito attendersi ben più che un’ora e venti minuti di esibizione, sebbene in questo caso, per molti dei presenti, la mente ed il cuore siano tornati a rivangare e probabilmente rimpiangere i bei vecchi tempi adolescenziali.

Ecco la corposa galleria fotografica della serata – basta cliccare su una foto per vedere l’intero set…

Amorphis + Starkill concerto @ Alcatraz Milano, 26 Novembre 2013 – Foto by Eugenio Crippa

Amorphis setlist:
Shades of Gray
Narrow Path
Sampo
Silver Bride
The Wanderer
Agains Widows
My Kantele
Into Hiding
Nightbird’s Song
Vulgar Necrolatry
Smoke Crack
You I Need
Hopeless Days
—–
Sky Is Mine
Black Winter Day
House of Sleep