Dischi in vinile, boom in America previsto per il Black Friday 2013

Previsioni ottime per le vendite di questi prodotti, in base alle prime statistiche

In America oggi festeggiano il giorno del Ringraziamento e domani sarà il Black Friday. E’ un appuntamento simbolo per la tradizione americana che prevede tantissime file davanti a numerosissimi negozi. Venerdì, infatti, inizia ‘ufficialmente’ il periodo degli acquisti natalizi e i commercianti propongono i prodotti con un prezzo decisamente scontato e conveniente. Per questo motivo, la gente si accalca sempre sperando di essere tra i primi, in modo da riuscire ad accaparrarsi qualcosa.

E, secondo le prime previsioni nel settore musicale, quest’anno è previsto un vero boom del disco in vinile. Non solo album e cd saranno presi di mira ma anche vinili di artisti leggendari e contemporanei. Michael Kurtz, co-fondatore di Record Store Day, ammette l’interesse estremo della popolazione americana:

“E’ diventato qualcosa di enorme. Avremo persone accampate fuori. Alcuni di queste pubblicazioni sono molto limitate e rare”

E’ previsto che Ordinary Love and Breathe degli U2 o l’album sul film di Mandela: Long Walk to Freedom soundtrack, siano esauriti addirittura in pochissimi minuti dall’apertura. E poi anche Got Live If You Want It! dei Rolling Stones e la ristampa di Linus and Lucy con A Charlie Brown Christmas:

“Non è una cosa che uno si aspetta, ma tra le immagini record di pagine su Facebook sono i cartoni animati di Charles Schulz. La gente ama i Peanuts “

Ipotizzati anche l’esaurimento in breve tempo di Grateful Dead, Rush, Dave Matthews, Duran Duran, Jack Johnson e Nick Cave.

“Quando Record Store Day ha aperto (nel 2007), l’età media dei clienti era 49 anni e ora è 23 ”

Lo rivela sempre Kurtz, rivelando che i consumatori di età inferiore ai 25 anni acquistano il 70% del vinile venduto

“Il vinile ha avuto un’enorme rinascita, soprattutto quest’anno, ed è cosa della giovane generazione”

Infine, secondo Nielsen SoundScan, le vendite dei CD sono diminuite del 14,2%, tracce digitali scivolate del 2,3% rispetto all’anno precedente ma le vendite del vinile sono salite del 33,5 per cento.

Via | Usa Today

I Video di Soundsblog