Lady Gaga, ARTPOP: le vendite Usa non supereranno le 300.000 copie?

Doccia fredda secondo le prime previsioni sul successo del nuovo album di Lady Gaga

Il boom di Born This Way era ovviamente irripetibile. Anche per una banale questione di prezzo. L’anno scorso, grazie in parte anche allo sconto dell’album su Amazon a 99cent, il disco di Lady Gaga aveva superato il milione di copie in una sola settimana, negli Usa. Era quindi facile pensare che le vendite di ARTPOP fossero inferiori al precedente lavoro. Fisiologicamente prevedibile e anche matematicamente evidente.

Ma le previsioni in arrivo dagli Usa sembrano essere più allarmanti ancora. Non solo ARTPOP non arriverà al milione di copie ma, forse, nemmeno alle 300.000 unità acquistate. Un segno decisamente negativo, calcolando che nei giorni scorsi si parlava di 300.000/350.000 album. Adesso è stata prevista un’ulteriore flessione che vede la cifra aggirarsi intorno ai 260.000.

Flop? No, sono sempre comunque dignitose risultati ma, calcolando la grande promozione effettuata dalla cantante e l’attesa per l’uscita del suo nuovo disco, ventilata da mesi e mesi, sicuramente non ci troviamo di fronte nemmeno a grandi numeri. Si parla sicuramente di crisi del mercato e pirateria ma allo stesso tempo abbiamo di fronte le 792.000 copie vendute da Eminem per “The Marshall Mathers LP 2”.

Verrebbero così ridimensionate le previsioni iniziali per un album che si aggira intorno alle cifre ottenute dalle altre popstar, negli ultimi tempi. Katy Perry con Prism ha debuttato alla numero 1 con 286.000 copie mentre Miley Cyrus e il suo recente Bangerz ha vinto con 270.000. Ed entrambe, come Lady Gaga, hanno goduto di una pubblicità intensa e martellante.

E’ giusto anche sottolineare come queste siano semplicemente stime. Non c’è ancora nulla di ufficiale ma semplicemente analisi di mercato che potrebbero essere confermate e ribaltate nei prossimi giorni. Attendiamo la prossima settimana per scoprire la verità assoluta.

Via | Billboard

Ultime notizie su Lady Gaga

Tutto su Lady Gaga →