Robbie Williams fu costretto a pagare per lasciare i Take That

Rivelazioni da parte del cantante: la decisione di lasciare la band fu caldeggiata anche dagli ex compagni, che lo costrinsero ad andarsene prima del tour di Nobody Else.

Sono passati diciotto anni dallo scioglimento della boyband più amata dalle ragazzine dell’epoca: nel 1995 i Take That annunciarono l’abbandono della band da parte di Robbie Williams, gettando nel panico milioni di fan in tutto il mondo.

A distanza di tempo e dopo una fruttuosa reunion nel 2010, è stato lo stesso cantante, nel corso di un’intervista alla radio britannica BBC 4, a rivelare un particolare inedito: furono gli stessi compagni, tramite Jason Orange che si fece ambasciatore, a chiedergli di lasciare il gruppo a causa dei suoi numerosi problemi con alcol e droghe (mai nascosti da Robbie Williams).

Già Robbie aveva espresso il suo desiderio di andarsene dai Take That dopo il tour di Nobody Else del 1995, ma la sua decisione fu anticipata da un intervento degli altri quattro ragazzi che lo convinsero a lasciare la boyband più famosa e amata del pianeta addirittura prima del tour.

Durante un pomeriggio di prove, Jason Orange mi disse “Bob, dobbiamo sederci e parlare. Lascerai comunque la band dopo il tour, quindi abbiamo deciso una cosa e pensiamo che sia il meglio per te adesso: è meglio se te ne vai subito, così possiamo dimostrare di potercela fare anche solo in quattro. Che ne pensi?” Pensai che era l’apertura di una porta. Era tutto ciò di cui avevo bisogno.

Robbie Williams non fu solo invitato ad andarsene prima del tempo, ma fu anche costretto a pagare per lasciare i Take That: lui stesso non sa dire, attualmente, se fu effettivamente licenziato dagli altri o la decisione fosse totalmente sua.

E’ stato un po’ di tutti e due, a quel tempo bevevo parecchio ed ero molto giovane. Per ragioni che non posso approfondire, perché certe persone adorano farmi causa -e adorano vincere- ci fu proprio la necessità di rescindere il contratto e andarmene dalla casa discografica. Credo che guadagnai qualcosa come un milione di sterline nei Take That e mi costò un milione e mezzo liberarmi del contratto. Così a vent’anni ho finito per dovere ancora mezzo milione di sterline ai Take That.

La carriera solista di Robbie Williams ha ampiamente ripagato il debito con i successi a venire: nove album in studio -e uno nuovo in arrivo, Swings Both Ways-, più di 70 milioni di copie vendute in tutto il mondo, tour sold out e il titolo di popstar inglese più amata dei primi anni Duemila.

E i Take That? Sciolti e riuniti ufficialmente nel 2006, hanno richiamato alle armi il vecchio compagno Robbie per il disco del 2010 Progress, in una reunion durata un solo anno: Robbie è tornato alla fortunata (alterna) carriera solista con Take The Crown già a fine 2011. Una piccola vendetta tardiva?

Via | OK

I Video di Soundsblog