Canzoni di Halloween: dieci brani ispirati alla festa del 31 Ottobre

Una playlist di canzoni ispirate dalla festività anglosassone dei morti per raccontare sfumature di amori non corrisposti e società ipocrite.

Il 31 Ottobre si avvicina in un proliferare di zucche, cappelli da streghe e forconi di plastica: la tradizione anglosassone della notte delle streghe che precede la festa di tutti i santi (All Hallows’ Evening, diventato Eve e per contrazione Halloween) è ormai un rito anche in Italia, con party a tema e ricerche per il costume perfetto.

Noi di Soundsblog, sempre attenti alla parte musicale che deve accompagnare degnamente i festeggiamenti e le sbornie di Halloween, vi proponiamo oggi una playlist di brani che contengono questa festività nel titolo, ma non propriamente mettono paura o raccapriccio quando le ascoltate: sono semplicemente canzoni ispirate a questa particolare occasione dell’anno e all’atmosfera che la caratterizza, spunto per raccontare altre esperienze di vita.

(La playlist paurosa è in corso di preparazione e vi possiamo assicurare che quella per Venerdì 13, in confronto, è nulla)

Godetevi questo piccolo assaggio di Halloween mentre scegliete la zucca da intagliare e meditate sul vostro travestimento migliore: siete pronti all’accompagnamento musicale preparatorio?

1. Dave Matthews Band – Halloween

Leggenda vuole che Dave Matthews abbia scritto questo brano per una ex fidanzata, alla quale chiese di sposarlo ben tre volte e per tre volte lei rispose no; nacquero così tre canzoni per esprimere le differenti reazioni. Questa era per la rabbia del cantautore nei confronti della donna. Una vera e propria strega.

2.The Fratellis – Halloween Blues

Traccia d’apertura dell’ultimo disco We Need Medicine, è un brano carichissimo di stampo anni ottanta che fa scatenare. Parla di una reazione alla depressione da Halloween: andare a ballare selvaggiamente al ritmo del rockblues per dimenticare i guai e gli amori non corrisposti. Deal.

3. Halloween – Dead Kennedys

La metafora di mascherarsi per Halloween come spiegazione di una società anticonformista e soprattutto non conformata. Ci volevano i padri del rock punk a darle senso.

4. Halloween On The Barbary Coast – The Flaming Lips

La canzone è legata ad un aneddoto raccontato dal cantante Wayne Coyne: la band si tingeva i vestiti di nero tenendoli addosso senza cambiarsi per dei mesi (ma anche che schifo), così che la tintura perdeva colore sulla pelle rendendoli tutti grigiastri e quando si trovarono all’ingresso di un casino della Barbary Coast, il commento di uno dei commessi all’entrata fu: “toh, è già Halloween qui sulla Barbary Coast”.

5. Halloween I & II – The Misfits

Il lato oscuro di Halloween secondo gli horror punk dei Misfits, che registrarono il lato b (la parte II) addirittura in latino per dargli un senso più epico e oscuro.

6. Halloween – Matt Pond PA

Un ragazzo si perde tra la folla e mette tutto a ferro e fuoco. Altro che notte delle streghe, sono i sintomi della follia a parlare; non fatevi ingannare dalla musichetta allegra e leggera, c’è di tutto nel testo.

7. (Every Day Is) Halloween – Ministry

Visione goth di intolleranza e accettazione. Una critica alla società che non vuole riconoscere chi esprime attraverso abbigliamento una visione differente da quella “normale”.

8. Halloween Spooks – Lambert, Hendricks & Ross

Swing e jazz a tre voci che racconta dell’arrivo di Halloween in una sequela di suoni e onomatopee paurose ma divertentissime.

9. This Is Halloween – Marilyn Manson (cover)

Il tema composto da Danny Elfman per Nightmare Before Christmas, il più bel film d’animazione sul “mondo di Halloween” viene reintepretato da re del grottesco. Ne esce una collaborazione ai limiti del godurioso horror.

10. Halloween – Siouxsie And The Banshees

Potevano mancare? Nossignore. In questa versione dal vivo, poi, sono ancora più potenti e paurosi.

I Video di Soundsblog