Rocco Hunt – L’ammore overo: Testo e Video Ufficiale

Il testo e il video del nuovo singolo del rapper salernitano.

L’ammore overo è il nuovo singolo di Rocco Hunt, secondo estratto dal primo album ufficiale del giovane rapper salernitano, dal titolo Poeta urbano. Il singolo di lancio dell’album, pubblicato lo scorso 25 giugno, invece, è stato Fammi vivere.

In questo secondo singolo, invece, Rocco Hunt offre una canzone nel suo dialetto, mescolando il rap con la musica melodica napoletana. Prima che uscisse come singolo, L’ammore overo si era già imposta come una delle tracce più apprezzate del primo album di Rocco Hunt. I vari video su YouTube, infatti, avevano già realizzato ben un milione di visualizzazioni.

Lo scorso giugno, con l’album Poeta Urbano, Rocco Hunt riuscì a debuttare direttamente alla posizione numero cinque della classifica Fimi. Per questo lavoro discografico, il rapper 18enne ha lavorato con Clementino, Ensi, Zoa, Nazo, Dj Shablo, Fritz The Cat, Reverendo, Fabio Musta, Denny The Cool e Valerio Nazo.

Questo è il testo del nuovo singolo di Rocco Hunt, L’ammore overo. Successivamente, potrete vedere anche il video ufficiale:

Si divers, ij me ne accorgo si te guardo
E si te ric ca si bell, n’è pecchè sto scumbinato
A femmena, si trucc ll’ore sane annanz o’ specchio
Pe n’omm ca pe tutta ‘a serata nun le fa nu complimento
Ogni amore è a convenienza e tu nun ce può fa niente
Ij te vuless guardà a rint pe’ vrè tu e me che pienz
Ma stong ancor ca, pur si chiov o’ ce sta o’ sole
Quand pass sott ‘a casa e veco a luce int’o balcone
Tu me manc, foss ipocrit si te dicessi
Ca senz e te sto buon, e sto tranquill cu me stess
‘A verità è ca nun dorm manc chiù a notte
Te cerc, ma nun te trov, te sonn e me scet e bott
‘A semplicità e ‘a verità so e cos che contano overo
Pcchè ven’n arint, e nun può finge si n’e tien
Tutt e cos che aggio amato po’ se so distrutt
E chi me dicev ca m’amava, o è scumpars o se n’è juto

E chelli vot ca suffrev ma nun te l’aggio ditt
Nun ne parlav che cumpagn e mo tenev arint
Ammore overo nun esist se mo stai cu chill
Che è sincer sul quando te sciuogl e capill
Ij ce penz semp, ce penz quas tutt e nott
E te cerc semp, senz e te nun riesc a dorm
E vuless n’occasione pe vendicà chist dolore
se m’addummann come stong, rispong sto buon
E chelli vot ca scennev ma nun te truav
Nun ne parlav cu nisciun, e comm stev mal
L’ammore overo nun esist si vai a cunvenienza
Te vogl legg int’o penzier pe vrè che pienz
Te penz semp, te penz quas tutt e nott
Te chiamm semp ma tu nun me vuò risponne
E vuless n’occasione pe vendicà chist dolore
M’aggio scucciato e correr aret e persone.

Sul chi ven a int’a miseria nota o cambiamento
E quando finalmente a vita cagn overamente
M’arricord a muffa a int’a stanzett
Mammà c’allucc semp
A stessa cap e merd e semp,
nun me piglià mai d’esempio
Sta vita m’ha vattut, a gent m’ha sfuttut
Ma si stev a sent a lat, fors n’er mai partut
O’ success è stat o’ prezz pe me fa accettà
Arriv tutt bell e buon, nun o’ può programmà
Vogl e tiemp bell, a semplicità e ricord
Sit talment puvriell che tenit sul e soldi
E quanta cos ce separ’n ra Sud e Nord
Simm chiù carnal e o’ zappator a mamma nun sa scord
“Rocco è nu vennut, Rocco è nu muntat.
Già tenev e sord e pe sta là è raccomandato!”
No! Rocco nun sta buon
Nun parl che person
Ma nu dic mai a nisciun, o’ scriv sul int’e canzon
Quant cumpagn over teng?
Chi mett in moto e vai fujenn
Chi port a rot e o va ricenn
Chi ind’a vita l’ambizione è comm e a varricella:
arriva na vota sola ma na pret n’addiventa stella
Chell che vir n’e assaggià
Natu drink a sorseggià
Aggio ‘mparat che chi è lent po le a sorpassà
O nome scritt nfacc e mur pe graffiti e break
C’hamm fatt l’oss
At che hip hop, frà sient’t a Nek.

E chelli vot ca suffrev ma nun te l’aggio ditt
Nun ne parlav che cumpagn e mo tenev arint
Ammore overo nun esist se mo stai cu chill
Che è sincer sul quando te sciuogl e capill
Ij ce penz semp, ce penz quas tutt e nott
E te cerc semp, senz e te nun riesc a dorm
E vuless n’occasione pe vendicà chist dolore
se m’addummann come stong, rispong sto buon
E chelli vot ca scennev ma nun te truav
Nun ne parlav cu nisciun, e comm stev mal
L’ammore overo nun esist si vai a cunvenienza
Te vogl legg int’o penzier pe vrè che pienz
Te penz semp, te penz quas tutt e nott
Te chiamm semp ma tu nun me vuò risponne
E vuless n’occasione pe vendicà chist dolore
M’aggio scucciato e correr aret e persone.

E chelli vot ca suffrev ma nun te l’aggio ditt
Nun ne parlav che cumpagn e mo tenev arint
Ammore overo nun esist se mo stai cu chill
Che è sincer sul quando te sciuogl e capill
Ij ce penz semp, ce penz quas tutt e nott
E te cerc semp, senz e te nun riesc a dorm
E vuless n’occasione pe vendicà chist dolore
se m’addummann come stong, rispong sto buon
E chelli vot ca scennev ma nun te truav
Nun ne parlav cu nisciun, e comm stev mal
L’ammore overo nun esist si vai a cunvenienza
Te vogl legg int’o penzier pe vrè che pienz
Te penz semp, te penz quas tutt e nott
Te chiamm semp ma tu nun me vuò risponne
E vuless n’occasione pe vendicà chist dolore
M’aggio scucciato e correr aret e persone.