Once, il musical indie che emoziona con semplicità

oncemusicalNon so se vi è mai capitato, ma a volte capita di pensare dove siano finite le emozioni, come si possa arrivare al cuore delle persone e come qualcun altro possa fare lo stesso con te. Riflettendoci bene, scopri poi che le emozioni vengono spesso solo da quella rara onestà delle intenzioni che ti entra dentro come un pugno e ti segna, ricordandoci quanto a volte possiamo essere maledettamente fragili. Milioni di persone si sforzano ogni giorno invece (anche nel mondo reale) di teatralizzare le emozioni dimenticandosi l'ingrediente fondamentale: l'importanza della semplicità. Quando nel marasma iperstrutturato di certi show scopri musical come "Once", per quanto ci si sforzi di essere coerenti con la propria virilità, ti ritrovi con i brividi sulla schiena e gli occhi gonfi di lacrime, e sai perfettamente perché.

Quante volte si incontra la persona giusta da amare? Forse, una volta sola. Questo è il concetto di "Once", una produzione irlandese del 2006, che come molti film non commerciali ha avuto bisogno di tempo per farsi conoscere e arrivare al grande successo, specie oltreoceano. Il musical indipendente di John Carney è costato solo 180 mila euro (e 17 giorni di riprese) e nelle sue 140 sale di proiezione negli Stati Uniti in cartellone dal 16 maggio ha incassato 7 milioni di euro.

I due protagonisti del film sono Glen Hansard, frontman dei The Frames, e Ceca Marketa Irglova, una giovane attrice e autrice di canzoni di soli 19 anni. Una marea di premi a livello internazionale ed una colonna sonora, ed è questo il punto, che non potete assolutamente perdervi. L'album è difficile da trovare in rete, ma è possibile ascoltarlo parzialmente sul Myspace dedicato. Una chitarra, un piano e una giovane coppia che suona guardandosi negli occhi che trasudano amore: c’è bisogno di altro? A seguire un video trailer del film musicale.

Fonte: Ansa

  • shares
  • Mail