Azealia Banks contro Lady Gaga: “Hai rubato Red Flame da una mia demo”

Azealia Banks era la promessa del 2013 ma la sua ascesa sembra decisamente rallentata: che cosa è accaduto?

Azealia Banks torna a colpire Lady Gaga via Twitter. L’amore iniziale tra le due, che sembrava diventare concreto con un duetto nell’album ARTPOP, in realtà sembra scemare sempre più. Addirittura, si legge astio nelle parole della Banks. Dopo le accuse di cui vi abbiamo parlato nelle scorse settimane, adesso Azealia accusa la Mother Monster di averle “rubato” una canzone. Per la precisione, Red Flame.

“Assicurati di far sapere dove hai ottenuto il titolo per Red Flame. L’hai rubato dalla demo che ti ho mandato”

Qui sotto il Tweet incriminato. Dalla diretta interessata, nessuna risposta per ora

azealia-banks-contro-lady-gaga

Azealia Banks, il duetto mancato con Lady Gaga e Twitter arma a doppio taglio

Via | Idolator

“Ho lavorato con Lady Gaga ma a distanza. Abbiamo collaborato via email e via Internet. Abbiamo registrato una canzone intitolata “Ratchet” e “Red Flame” ma non so cosa ne farà. Se le pubblicherà e quando vorrà farlo”

Era gennaio 2013 e così, qualche mese fa, Azealia Banks annunciava la collaborazione. La certezza di aver lavorato con la Mother Monster e un diplomatico dubbio su quando -e se- verrà pubblicato il duetto annunciato. Del resto, non aveva lei il potete di decidere l’eventuale rilascio. Mai avvenuto, alla fine.

E’ un po’ simile a ciò che è successo con Cher e il brano The Greatest Thing. Il featuring tra le due c’è stato ma, a quanto pare, come rivelato dalla stessa interprete di A Woman’s World, Gaga non era soddisfatta del risultato e il pezzo non sarà presente nel nuovo album Closer to the Truth. Scelte. C’è il rischio. Giusto? Sbagliato? Dipende dal punto di vista di entrambe. Se Gaga ha il diritto di decidere se pubblicare o meno una canzone, certo, a livello logico, la decisione spetta anche all’altra parte della medaglia. Ma sempre di un lavoro a due si parla e se uno non è d’accordo, il progetto salta. I rischi. Ci stanno.

Lady Gaga in una sua recente intervista dopo l’uscita di Applause ha rivelato che il duetto con la Banks non ci sarà. Una decisione che è stata applaudita da parte dei fan che richiedevano a gran voce l’esclusione della rapper dopo la sua feroce faida via web con il blogger Perez Hilton. La cantante gli ha dato del “froc*io”. E dopo le polemiche ricevute, invece di scusarsi ha peggiorato ancora di più il tutto specificando:

“Il fro*io non è un omosessuale maschio. È un uomo che si comporta da donna! E c’è una ENORME differenza”

E detto da una che si è dichiarata da tempo bisessuale è quasi assurdo. Che sia stato anche questo uno dei motivi dietro alla cancellazione del duetto dalla tracklist? Una sorta di azione di rispetto verso i numerosi fan Lgbt che ha Gaga? Oppure era già stato deciso a priori? Dopo aver saputo di essere fuori da Artpop, la Banks ha iniziato a lanciare critiche, prima in maniera velata, poi sempre più esplicite, a partire dal look “sirenetta” utilizzato recentemente da Gaga e troppo simile a quello che lei aveva utilizzato, come tema, tempo prima (“”@ladygaga hmmmm sounds alot like Azealia Banks’ mermaid balls”)

Poi, l’affondo diretto con mancanza di originalità e creatività direttamente via Twitter

E calcolando l’entusiasmo di rivelare a tutti del duetto, mesi fa, il termine adatto sembrerebbe essere proprio “rosicare”. Il problema della Banks, come per altri artisti, si sta rivelando essere proprio Twitter. Perché tra i suoi status ci sono frasi che davvero oltrepassano il senso della provocazione. E rischia di portare la sua carriera a non esplodere mai del tutto. Perché non è condannando la lotta contro il bullismo e inneggiando alla violenza che si ottiene l’attenzione mediatica ricercata

Liquidare così un problema serio come questo per colpa del quale leggiamo spesso di suicidi giovanili? Non è bad girl, è da immaturi, irresponsabili e superficiali (per essere gentili)

E porta con sé conseguenze.

Ultime notizie su Lady Gaga

Tutto su Lady Gaga →