Robbie Williams a un passo dall’interpretare Doctor Who

A lui il compito di regalare la voce al celebre personaggio

E se Robbie Williams fosse stato il Doctor Who?

No, non è una strana fantasia della prima domenica di settembre ma un’ipotesi che si è molti avvicinata a diventare realtà. A confermarlo è stato un DVD documentario sul celebre personaggio. Robbie avrebbe avuto il compito di prestargli la voce nella serie animata web “Scream of the Shalka”

L’ipotesi è stata diffusa dal blog Blogtor Who sempre attentissimo sulle ultime novità che riguardano la serie. E ribadisce l’interesse di entrambi -sia della produzione sia dell’ex Take That- in questo progetto.

Muirinn Lane Kelly, produttrice dello show, ha confermato:

“Abbiamo saputo che Robbie Williams era interessato a interpretare il Dottore. Ci siamo tutti seduti intorno ad un tavolo chiedendoci, ‘E’ una buona idea? È una pazza idea?””

Purtroppo sono stati poi gli impegni dello stesso Williams ad impedire che tutto questo diventasse realtà e così il ruolo è stato successivamente affidato a Richard E. Grant

James Gross, altro produttore, ha aggiunto:

“Pensateci, se si voleva davvero portare ‘Doctor Who’ verso un nuovo pubblico, sarebbe stata la mossa più popolare e chiacchierata che il sito web della BBC potesse mai fare. Ma poteva non essere la scelta più popolare o chiacchierata per le giuste ragioni, però

E sempre in argomento Doctor Who, proprio Tvblog ha annunciato il nome dell’attore che interpreterà il nuovo Ultimo Signore del Tempo. Dopo l’abbandono di Matt Smith, che ha gettato i fan nella disperazione, a vestire i panni sarà Peter Capaldi. Proprio lui ha ammesso lo stupore e la gioia nel sapere di aver ottenuto la parte:

“Ci ho messo un po’ a realizzare quello che mi stava capitando. Soprattutto perché la prima volta che mi hanno chiamato, avevo il silenzioso e non ho risposto. Al secondo tentativo Steven Moffat mi ha salutato dicendomi: “Hello Doctor!”. Sono incredibilmente orgoglioso di questo ruolo perché sono fan di Doctor Who da quando avevo nove anni!”