Le 100 migliori canzoni degli anni ’80 secondo NME

Le 100 migliori canzoni degli anni ’80 secondo NME

Nuovo appuntamento con cui la rivista NME celebra le sessanta candeline della rivista: ‘stavolta il decennio in questione è uno dei più controversi e criticati, ma anche quello che è stato più spesso ‘vittima’ di un revival forsennato e reiterato. Stiamo parlando degli anni ’80, un intervallo di tempo che ha contemporaneamente dato vita a incredibili fenomeni commerciali (il cui modello sopravvive – con le dovute differenze – ancora oggi) e a produzioni che sfidavano i fasti del passato.

Causa principale, l’introduzione dei primi sintetizzatori prodotti su vasta scala, economici, accessibili a – quasi – tutti. Un suono sintetico e affascinante che ha entusiasmato e poi saturato l’aria che si respirava nel rock, fino alla ‘crisi di rigetto’ dei primi anni ’90. Non è un caso che nella top ten troviamo ben due brani di una band che fu in grado di unire melodia e sonorità elettroniche (una è al primo posto) insieme allo ska (The Specials), la new wave (Talking Heads) e la rivelazione del rap (Eric B. & Rakim) che contaminava la dance (il capolavoro di Neneh Cherry, “Buffalo Stance”). Sebbene sia decisamente ‘brit-oriented’, una classifica interessante da consultare. Dopo il salto, il video della prima posizione.