A Posi Argento adesso piace Paris Hilton: meglio Missa?

posi argento miss simpatia

Una sfida tra "titani con le tette", due donne che stanno cambiando direzione. La sfida tra una donna rappresentativa della musica hip hop italiana che si butta oggi nel pop e una donna rappresentativa del desiderio di emersione che trova dopo tanta gavetta la sua visibilità. L'una cerca una nuova direzione nella critica serrata a Fabri Fibra (con tutti i "bah" del caso), l'altra loda l'icona dello sfottimento generale, Paris Hilton (con tutti i "mah" dell'occasione). Posi Argento fino a poco tempo fa era (ed è ancora oggi, ma non si sa per quanto) una delle poche e più apprezzate rapper italiane che però oggi sul suo Myspace invita a fare tabula rasa del passato. Missa secondo molti è una delle meno rispettate in circolazione e nonostante le buone collaborazioni, il suo presunto caratteraccio e questa mossa che tintinna di euro su euro la rendono l'oggetto preferibile dell'insulto di molti suoi detrattori.

Entrambe hanno scelto la strada commerciale, e in linea generale non c'è da biasimarle: se vuoi vivere di musica devi inventarti qualcosa che faccia presa su tutti, non solo sui soliti 200 (anche se preziosi, sia mai). Nell'hip hop ci vanno le spalle larghe quando si passa al genere commerciale, perché 90 su 100 verrai svilito da un singolo di lancio senza capo né coda, dove della tua esperienza e della tua arte porti solo impercettibili sfumature.
Miss Simpatia si è beccata in questi giorni pure una bella denuncia da Francesca Lodo, citata molto poco gentilmente nel singolo "Ciao Fibra", tanto da arrivare a censurare quasi del tutto il singolo caricato sul suo Myspace. Posi oggi invece non tocca nessuno, anzi. La sua lode potrebbe nascondere uno sberleffo, ma nei tempi in cui qualcuno celebra Fabrizio Corona, tutto può davvero succedere.

La natura "contro" dell'hip hop oggi si ammorba e nei casi in cui è presente, si strumentalizza. La musica che fa capo a questo genere non è quella che siamo abituati ad ascoltare in radio e in tv. Mi piace pensare che questi esempi "celebri" possano essere il "soft drink" per scoprire un mondo underground che non lecca il sedere a nessuno e non sfrutta un occasione produttiva per svendersi. Massimo rispetto per le scelte individuali, i soldi servono a tutti e solo la fama fa capire a chi hai accanto che qualcosa di travolgente sta portando la tua arte a diventare un lavoro. Il grande pubblico però ha tutto il sacrosanto diritto di saper distinguere ciò che è autentico a livello musicale, da ciò che non lo è o che semplicemente lo sembra. Chi emergerà di più tra Miss Simpatia e Posi Argento? Chi ha rinnegato davvero la propria natura? Forse, entrambe. Per ora, uno pari.

A seguire il video di Posi Argento "I like Paris"

  • shares
  • Mail