Pink in concerto, fan arrestato per aver scritto “I’m ready with my Bomb” su Twitter

Un tweet male interpretato al concerto di Pink… e scatta l’arresto!

State bene attenti a quello che scrivete su Twitter, soprattutto quando la citazione potrebbe non essere capita e interpretata.

Sicuramente ha imparato la lezione un ragazzino di 16 anni, entusiasta di poter assistere al concerto della sua beniamina. Pink si trovava in Australia, al Rod Laver Arena di Melbourne. Adrenalina, eccitazione e giovane età hanno portato il ragazzo a scrivere un Tweet che ha provocato una reazione inaspettata:

“@Pink I’m ready with my Bomb. Time to blowup #RodLaverArena Bitch!”

Pink, sono pronto con la mia bomba. E’ il momento di far esplodere il #RoLaverArena, Bit*h! Ma gli agenti della sicurezza e la polizia locale hanno letto questo messaggio, sono riusciti a riconoscere -tra la folla- il ragazzo autore della frase, lo hanno condotto all’esterno e arrestato. Erano convinti, infatti, si trattasse di un messaggio minaccioso e che avesse davvero una bomba con sé. E’ stato successivamente rilasciato e ha cancellato il maledetto Tweet che lo ha portato in un simile guaio.

Il giorno dopo, il ragazzo ha voluto spiegare alla stampa l’accaduto. Il termine “Bomb” era semplicemente una citazione per “Timebomb”, bonus track dell’album “The Truth about love”. Il resto era solo una conseguenza degli effetti della musica, tutto crolla sotto una simile potenza, carica ed energia.

La sorella del giovane ha raccontato il suo sbigottimento all’Herald Sun:

“Siamo stati costretti ad andare lì a mezzanotte per risolvere la cosa, abbiamo pensato di dover pagare una cauzione per lui, abbiamo creduto che fosse stato ucciso, non sapevamo cosa pensare. Ha scritto come in una delle sue canzoni. si chiama ‘Timebomb’, e si è dimenticato di mettere il ‘Time’ prima”

Un Time che avrebbe potuto evitare tutto questo caos successivo. I fan della Minogue sono avvertiti…

Via | Rolling Stone

I Video di Soundsblog