Dieci canzoni che parlano di droga (e forse non lo sapevi): dai Blur a Ed Sheeran- Video

Ecco un elenco di dieci canzoni che, nel testo, parlano implicitamente di droga

Ci sono canzoni che sembrano raccontare una storia o un argomento e, invece, in realtà hanno un sottotesto non del tutto esplicito. Oggi vi riportiamo un elenco di brani che parlano di droga ma non in maniera esplicita.

Scopriamoli assieme:

The La’s, ‘There She Goes’: La strana saga dei La di Liverpool che sembravano destinati alla grandezza e al successo, quando è uscito il loro debutto del 1990. Al primo ascolto, “There She Goes” sembra racconti l’ammirare una ragazza. Scendendo in profondità, tuttavia, la canzone racconta un’altra storia (anche se quello che alcuni membri della band hanno a lungo negato): “Racing through my brain, pulsing through my vein.”/”Correre nel mio cervello, pulsare attraverso la mia vena”

Elliott Smith, ‘Needle in the Hay’: una delle più dolci e dolenti canzoni del cantautore schiva la questione sempre con doppi sensi leggeri: “. Dovresti essere orgoglioso del fatto che sto ottenendo buoni voti”

Fleetwood Mac, ‘Gold Dust Woman’: Quando Courtney Love ha fatto domande a Stevie Nicks sulla scrittura di “Gold Dust Woman”, Nicks non ricordava i dettagli. “E ‘strano che io non ne sia molto sicuro. Non può essere tutto incentrato sulla cocaina”. No? Eppure “Take your silver spoon and dig your grave” è abbastanza esplicito no?

Small Faces, ‘Itchycoo Park’: “E ‘tutto troppo bello”, hanno cantato Steve Marriott e Ronnie Lane degli Small Faces, in una delle più grandi canzoni pop psichedeliche di tutti i tempi, e che quasi riassume gli anni Sessanta: alla fine, i farmaci erano schiaccianti. La BBC ha vietato la canzone fino a quando la band ha sostenuto che era solo un ricordo innocuo di un parco giochi per l’infanzia. “Che cosa hai fatto lì? Sono andato in alto”, cantavano e sembrava chiaro. Ma Marriott una volta ha negato: “Noi non fumiamo. Eravamo in alto solo perché non siamo andati a scuola”

MGMT, ‘Time to Pretend’: Andrew VanWyngarden e Benjamin Goldwasser degli MGIT hanno detto che questa canzone è stata ispirata dalle uova lasciate da una mantide religiosa nel loro appartamento al college. Hanno messo le uova sul modello di una nave pirata modello e le uova schiusero tutte queste mantidi religiose che risalivano la nave.” Non è necessario controllare i riferimenti lirici di eroina e cocaina per sapere che cosa realmente abbia ispirato la canzone

Third Eye Blind, ‘Semi-Charmed Life’: Una delle più inesorabilmente canzoni degli anni Novanta è stata effettivamente scritta dal punto di vista interno di un uomo e una donna in una baldoria di droga – crystal meth, per la precisione. Stephan Jenkins canta “Then I bumped again, I want something else/To get me through this life.” Una confessione, Voglio qualcosa di diverso per me in questa vita.

Blur, ‘Beetlebum’: Damon Albarn ha detto che la canzone dei Blur del 1997 ricorda la sua esperienza con la droga con l’ex fidanzata Justine Frischmann. Oltre al titolo di riferimento ovvio per la band Britpop di tutti i tempi, il termine “inseguendo lo scarabeo” è una variazione sul tema “inseguendo il dragone”, che descrive l’inalazione di vapori da eroina o oppio riscaldato sulla stagnola

Talking Heads, ‘And She Was’: David Byrne ha detto che ha scritto questo pezzo del 1985 MTV su una ragazza che una volta conosceva quando era cresciuto nella zona di Baltimora e che ha preso l’acido mentre giaceva sull’erba vicino ad una fabbrica: “E lei era sdraiata nell’erba / E poteva sentire il respiro dell’autostrada”. La ragazza nella canzone ha una esperienza fuori dal corpo, Byrne, – si suppone- è stato lì una o due volte, con o senza l’aiuto chimico.

Ed Sheeran, ‘The A Team’: il cantautore inglese Ed Sheeran ha ottenuto una nomination ai Grammy come canzone dell’anno per il suo singolo “The A Team”. Sheeran ha spiegato che la canzone è stata ispirata da un concerto in cui ha suonato come un ingenuo a 18 anni in un rifugio per senzatetto, dove ha sentito storie di donne alle prese con sostanze “di classe A”. “breathing in snowflakes.”/”Respirando in fiocchi di neve”

The Rolling Stones, ‘Dead Flowers’: Gli Stones hanno scritto alcune canzoni che parlano di droga nel corso degli anni, da “Mother’s Little Helper” a “Brown Sugar” per “Sister Morphine” e “Monkey Man”. Un po ‘meno ovvia è “Dead Flowers” che potrebbe suonare incentrata su un romanticismo sfortunato (“E non dimenticate di mettere le rose sulla tua tomba”), se l’eroina non venisse proprio dai papaveri, fiori legati in qualche modo alla morte

Via | Rolling Stones