Foo Fighters: “Hot Buns” è il video ‘gay’ per promuovere il “North American Tour” (NSFW)

Foo Fighters: “Hot Buns” è il video ‘gay’ per promuovere il “North American Tour” (NSFW)

Ormai a Dave Grohl e soci concediamo tutto. Non (solo) perché ci piace la loro musica, ma perché, come in questo caso, dimostrano sempre di avere la giusta attitudine, l’approccio migliore a quell’universo musicale in cui, se i tuoi dischi raggiungono un certo numero di copie vendute, l’atteggiamento diventa quello prescritto dalle major: conforme agli imperscrutabili dettami mainstream.

I Foo Fighters invece, per la maggior parte del tempo, non se ne curano affatto. Se ne vanno in giro a suonare nei garage, si scagliano contro fan molesti e violenti, si cimentano in video (la lista sarebbe lunga) che sono un abile mix tra ironia e critica. Proprio un video è il ‘protagonista’ della notizia di oggi: la band voleva promuovere le date del loro “North American Tour” e ha scelto di farlo in modo decisamente particolare.

“Hot Buns” è un video-trailergay. Fatte le solite raccomandazioni NSFW di rito, partono gli applausi. Perché Dave Grohl e i Foo Fighters sono andati a incrinare uno dei simboli del machismo statunitense: quei camionisti che attraversano il paese e vengono spacciati come virilità allo stato puro. I nostri invece, parrucche sghembe in testa, pose omoerotiche e musica finto-Queen come colonna sonora (un omaggio neanche troppo velato a Freddie Mercury come icona gay), intraprendono il viaggio che li porterà in concerto in numerose località degli USA. Ennesimo divertentissimo – e intelligente – colpo messo a segno. Grandi.