Kelly Rowland: “Here I Am” debutta alla terza posizione nella Billboard 200 battendo Amy Winehouse

La pseudo-sfida che abbiamo lanciato qualche giorno fa qui a Soundsblog vede vincere Kelly Rowland. Il suo nuovo album nella settimana della pubblicazione esordisce con un bottino di 76.399 copie vendute negli Stati Uniti debuttando alla posizione numero #3 della Billboard 200. Ed Amy Winehouse? Anche lei non se l’è cavata male. L’artista da poco

La pseudo-sfida che abbiamo lanciato qualche giorno fa qui a Soundsblog vede vincere Kelly Rowland.

Il suo nuovo album nella settimana della pubblicazione esordisce con un bottino di 76.399 copie vendute negli Stati Uniti debuttando alla posizione numero #3 della Billboard 200. Ed Amy Winehouse?

Anche lei non se l’è cavata male. L’artista da poco scomparsa infatti guadagna la sesta posizione grazie alla vendita di circa 40.000 unità col suo “Black To Black” (“Frank” ne vende 13.000).

A mio parere questi numeri non rappresentano un flop per Kelly. In giro si afferma il contrario ma forse ci si dimentica che nel 2011 i cd non vendono più come una volta.

Si paragonano le vendite attuali con i precedenti lavori di Miss Rowland: “Simply Deep” debuttò alla #12 con 77.000 copie mentre “Ms. Kelly” alla #6 con 83.000 unità.

Insomma: le cifre dei rispettivi esordi si avvicinano tutte con la differenza che però prima il mercato discografico non era in crisi, adesso invece si. Quindi “Brava Kelly”!