Paul McCartney: "mi consigliarono di ritirarmi a 50 anni"


Paul McCartney, il musicista più famoso e influente in vita, ha raccontato come il suo manager abbia cercato di convincerlo a ritirarsi dalle scene quando era ancora cinquantenne. L'ex Beatle, ora sessantanovenne e ancora in piena attività artistica, racconta dalle pagine di Mojo:

«Quando mi stavo avvicinando ai cinquant'anni uno dei miei vecchi collaboratori che ero solito avere come manager mi disse: 'Penso che sia ora che tu ti ritiri'. E io gli risposi: 'So cosa intendi, ma sai, proprio non ne ho voglia. E mi sto divertendo un sacco, perché dovrei ritirarmi?'. Quindi ho deciso di licenziarlo. Mi chiedo cosa pensa oggi di questa storia. Forse pensa che aveva ragione, ma spero proprio di no.»

Negli ultimi 20 anni Paul McCartney ha sfornato altri 11 album e ha tenuto una serie infinita di concerti, tra cui quello di Glastonbury del 2004, dove è stato headliner.

McCartney non intende uscire di scena neanche adesso che sta per compiere 70 anni, e spiega perché:

«La gente mi dice "lavori così duro'. Noi non lavoriamo duro, noi suoniamo musica. Non lavoriamo musica. Può sembrare semplicistico ma è proprio vero. Non è come andare in ufficio»

E chi siamo noi per contraddire Sir Paul McCartney?

  • shares
  • Mail