Mondadori acquisisce Messaggerie Musicali

Proprio settimana scorsa, mentre passeggiavo in Corso Vittorio Emanuele a Milano, mi chiedevo quanto sarebbe durata. Messagerie Musicali ha aperto nel 1936 a Milano (per le notizie sul negozio di Roma aspetto i vostri commenti) e dopo 70 anni è ancora lì. E’ l’unico megastore di dischi indipendente, anzi lo era. Adesso è stato comprato

di mrwolf

Proprio settimana scorsa, mentre passeggiavo in Corso Vittorio Emanuele a Milano, mi chiedevo quanto sarebbe durata. Messagerie Musicali ha aperto nel 1936 a Milano (per le notizie sul negozio di Roma aspetto i vostri commenti) e dopo 70 anni è ancora lì. E’ l’unico megastore di dischi indipendente, anzi lo era. Adesso è stato comprato da Mondadori per 24 milioni di euro, che probabilmente lo trasformerà in uno dei suoi Multicenter. Questo non è un post nostalgico, penso di averci comprato al massimo un cd (sono della generazione download), spero soltanto che rimanga il mostruoso assortimento di cd e dvd paragonabile (e forse meglio) solo a quello della Fnac di via Torino. Leggo su questo post che il proprietario, il gruppo Sugar, ha venduto per finanziare i suoi progetti nel campo della musica digitale. Insomma vi lascio con una considerazione: la vendita di cd non rende più abbastanza, resisteranno solo i grandi gruppi tipo Mondadori, Feltrinelli/Ricordi, Fnac e gli ipermercati; il futuro è la musica digitale, con buona pace nei nostalgici, il cd diventerà un prodotto di nicchia.
E voi come la pensate?

I Video di Soundsblog