Le più belle canzoni di Franco Califano con il Minuetto nel cuore

Ecco alcune delle canzoni più belle scritte e cantate da Franco Califano nella sua carriera

Franco-Califano-canzoni

La notizia della morte di Franco Califano, a poche ore dalla scomparsa di Enzo Jannacci, ha sconvolto e lasciato increduli. L’uomo, nato il 14 settembre 1938, è stata cantautore, scrivendo pezzi classici e storici. Ricordiamoli insieme, partendo dalla celebre “Tutto il resto è noia”, descritta proprio da lui come “la sua targa” (qui il ricordo di Cineblog)

Si, d’accordo l’incontro
un’emozione che ti scoppia dentro
l’invito a cena dove c’è atmosfera
la barba fatta con maggiore cura.
la macchina a lavare ed era ora
hai voglia di far centro quella sera
si d’accordo ma poi..
tutto il resto è noia
no, non ho detto gioia,ma noia, noia, noia,
maledetta noia.
Si, lo so il primo bacio
il cuore ingenuo che ci casca ancora
col lungo abbraccio l’illusione dura
rifiuti di pensare a un’avventura.
Poi dici cose giuste al tempo giusto
e pensi il gioco è fatto è tutto a posto
si,d’accordo ma poi…
tutto il resto è noia
no, non ho detto gioia,ma noia, noia,noia
maledetta noia.
Poi la notte d’amore
per sistemare casa un pomeriggio
sul letto le lenzuola color grigio
funziona tutto come un orologio.
La prima sera devi dimostrare
che al mondo solo tu sai far l’amore
si, d’accordo ma poi..
Tutto il resto è noia
no,non ho detto noia
ma noia,noia, noia
maledetta noia.
Si d’accordo il primo anno
ma l’entusiasmo che ti resta ancora
è brutta copia di quello che era
cominciano i silenzi della sera
inventi feste e inviti gente in casa
così non pensi almeno fai qualcosa
si, d’accordo ma poi..
Tutto il resto è noia,
no, non ho detto gioia,ma noia,noia,noia
maledetta noia

Cammino in centro

E’ quasi sera
io sono fuori
ormai anche i negozi non han piu’ colori
se sto’ cosi’ un motivo c’e’
e’ che stasera non ce ne’ da vivere

cammino in centro
si faccio un giro
col passo lento e col respiro
che il freddo butta giu’
e non voglio pensarti
ma qui in citta’
si naufragare
tra i lampioni accesi
e la gente
che a casa se ne va’

e passa piano un aereoplano
no forse sbaglio e’ solo un mio pensiero
signora mia si ci starei
se questa sera io non pensassi a lei

cammino in centro
si faccio un giro
col passo lento e col respiro
che il freddo butta giu’
e non voglio pensarti
ma qui in citta’
si naufragare
tra i lampioni accesi
e la gente
che a casa se ne va’

che godimento che godimento
ma a chi sto’ mentendo
tu non ci sei…
Tu non ci sei…

La mia libertà

Ho una chitarra per amica e con voce malandata
canto e suono la mia libertà.
Se sono triste canto piano, se sono in forma suono forte,
così affronto la mia sorte.
Se non amo grido abbasso anche se non mi è concesso
dico sempre quello che mi va.
Se voglio un corpo e un po’ d’affetto,
faccio un giro cerco un letto e una donna che ci sta.
Chi mi vuole prigioniero non lo sa che non c’è muro
che mi stacchi dalla libertà.
Libertà che ho nelle vene, libertà che mi appartiene,
libertà che è libertà.
Vivo la vita così alla giornata con quello che da’
sono un’ artista e allora mi basta la mia libertà.
Da una finestra si affaccia una donna che un sorriso mi fa.
E’ una di quelle, ma è bella e stasera mi va.
Passo un’ora in sua compagnia e poi vado via.
Non mi fido di nessuno sono rose e crisantemo
suono e canto la mia libertà.
Se sono triste suono piano, se sono in forma canto forte
così affronto la mia sorte.
Una donna innamorata anche quella più pulita
prima o poi le corna te le fa.
Tanto vale andare avanti e trattare con i guanti
solo questa libertà.
Vivo la vita così alla giornata con quello che da’
sono un’ artista e allora mi basta la mia libertà
da una finestra si affaccia una donna che un sorriso mi fa.
E’ una di quelle, ma è bella e stasera mi va.
Passo un’ora in sua compagnia e poi vado via

Io nun piango

Io nun piango pe’ quarcuno che more,
non l’ho fatto manco pe ‘n genitore
che morenno m’ha ‘nsegnato a pensare,
non lo faccio per un altro che more.
Io nun piango quanno scoppia ‘na guera,
er coraggio de’ l’eroi stesi in tera,
io lo premio co’ du’ fiori de serra,
ma nun piango quanno scoppia ‘na guera.
lo piango, quanno casco nello sguardo
de’ ‘n cane vagabondo perché,
ce somijamo in modo assurdo,
semo due soli al monno.
Me perdo, in quell’occhi senza nome
che cercano padrone,
in quella faccia de malinconia,
che chiede compagnia.
Io nun piango quanno ‘n omo s’ammazza,
il suo sangue nun me fa tenerezza,
manco se allagasse tutta ‘na piazza,
io non piango quanno ‘n omo s’ammazza.
Ma piango, io piango sulle nostre vite,
due vite violentate.
A noi, risposte mai ne abbiamo date,
ecco perché la sete…
lo piango, so tutto er tempo che ce resta
e me ce sento male.
Domani, se non sbajo è la tua festa;
la prima senza viole… la prima senza viole… la prima senza viole…

Me ‘nnammoro de te

Aoh, che c’e, nessuno te conosce come me…
ho già capito tutto, da quanno t’hanno detto che so’ matto,
c’hai paura de qualche mia pazzia, magari che de botto vada via
ma all’età mia, ‘ndo vado?
Io so’ ‘n guerriero che sta riposanno
dopo che ha rivortato mezzo monno
ma ormai c’ho er doppio petto e la cravatta
‘ndo voi che vada viè , nun fa la matta.
Tu ormai pe’ me sei l’ultima occasione;
sei giovane; sei bella e me stai bene,
te pare poco dì, te pare poco, nun devi ave’paura io nun gioco,
io qui sto rilassato e chi se move,
fori fa pure freddo e come piove…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
Lo faccio ‘n po’ pe’ rabbia, un po’ pe’ nun sta solo
come sta solo ‘n omo nella nebbia
perché nun po’ parla’ manco cor cielo…
Me ‘nnamoro de te lo devo fa’ pe’ me
me serve ‘n’ emozione come me serve er pane
‘sta vorta ce la vojo mette’ tutta
me devo ‘nnammora’ vado de fretta…
Me ‘nnamoro de te se no che vita è
sei l’urtima rimasta devi esse’ quella giusta
senza sforzamme già te vojo bene
spero che duri ‘n po’ de settimane…
Io qui sto rilassato e chi se move
fori fa’ pure freddo e come piove…

Un tempo piccolo

Diventai grande in un tempo piccolo
Mi buttai dal letto per sentirmi libero
Mi truccai il viso come un pagliaccio
E bevvi vodka con tanto ghiaccio
Scesi nella strada mi mischiai nel traffico

Rotolai in salita come fossi magico
E toccai la terra rimanendo in bilico
Mi feci albero per oscillare
Trasformai lo sguardo per mirare altrove
E provai a sbagliare per sentirmi errore

Dipinsi l’anima su tela anonima
E mescolai la vodka con acqua tonica
E pranzai tardi all’ora della cena
E mi rivolsi al libro come una persona
Guardai le tele con aria ironica
E mi giocai i ricordi provando il rischio
Poi di rinascere sotto le stelle
Dimenticai di colpo un passato folle
In un tempo piccolo

Ingannai il dolore con del vino rosso
E multai il mio cuore per qualunque eccesso
Mi addormentai con un vecchi disco
Raccontai una vita che non riferisco
Raccolsi il mondo in un pasto misto

Dipinsi l’anima su tela anonima
E mescolai la vodka con acqua tonica
E pranzai tardi all’ora della cena
E mi rivolsi al libro come una persona
Guardai le tele con aria ironica
E mi giocai i ricordi provando il rischio
Poi di rinascere sotto le stelle
Dimenticai di colpo un passato folle
In un tempo piccolo

E mi giocai i ricordi provando il rischio
Poi di rinascere sotto le stelle
Dimenticai di colpo un passato folle
In un tempo piccolo

Un’estate fa

Un’estate fa
la storia di noi due
Era un po’ come una favola
ma l’estate va
e porta via con se
anche il meglio delle favole
L’autostrada e’ la’,ma ci dividera’
l’autostrada della vacanza
segnera’ la tua lontananza
Un’estate fa
non c’eri che tu
ma l’estate assomiglia a un gioco
E’ stupenda ma dura poco,
poco,poco,poco.
Un’estate fa non c’eri che tu
ma l’estate assomiglia a un gioco
E’ stupenda ma dura poco,
poco,poco,poco.
E finisce qua la storia di noi due
due persone che si perdono

Minuetto, autore del testo

E’ un’incognita ogni sera mia
un’attesa pari a un’agonia
troppe volte vorrei dirti no
ma poi ti vedo e tanta forza non ce l’ho
Il mio cuore si ribella a te
ma il mio corpo no
le mani mie che vanno su di te
e le tue che sanno tutto
ogni angolo di me
E vieni a casa mia
quando vuoi
nelle notti più che mai
dormi qui, te ne vai
sono sempre fatti tuoi
io lo so e ci sto
male che mi vada avrò tutta te
e sarà per una notte….
Rinnegare una passione no
ma non posso dirti sempre si
qualche volta mi deciderò
e senza dirti una parola
mi allontanerò
Costa cara la felicità
meglio la libertà
piuttosto che aspettarti nelle sere
per elemosinare amore…
Vieni a casa mia
quando vuoi
nelle notti più che mai
dormi qui,te ne vai
sono sempre fatti tuoi
io lo so e ci sto
male che mi vada avrò tutta te
e sarà per una notte…..
E la vita sta passando su noi
di orizzonti non ne vedo mai
ne approfitta il tempo e ruba come hai fatto tu
il resto di una gioventù
che ormai non c’è più..
E continuo sulla stessa via
sempre ubriaco di malinconia
ora ammetto che la colpa forse è stata solo mia
avrei dovuto perderti
e invece ti ho cercata…..
La mia mente non si ferma mai
io non so l’amore vero che sorriso ha
pensieri vanno e vengono
la vita è così…..
Minuetto suona per noi
la mia mente non si ferma mai
io non so l’amore vero che sorriso ha
pensieri vanno e vengono
la vita è così….