Band in a Box 2007, più di 50 nuove features

Band in a Box è un software di auto-accompagnamento musicale che non ha rivali nel suo campo di applicazione. E’ possibile, tramite Band in a Box, inserire semplicemente gli accordi e scegliere uno stile di accompagnamento per far suonare un brano originale mai sentito prima. Naturalmente tanto ben di Dio non è gratis, la versione

di

Band in a Box è un software di auto-accompagnamento musicale che non ha rivali nel suo campo di applicazione. E’ possibile, tramite Band in a Box, inserire semplicemente gli accordi e scegliere uno stile di accompagnamento per far suonare un brano originale mai sentito prima.

Naturalmente tanto ben di Dio non è gratis, la versione base costa 99 $ (dollari), che poi non è tantissimo per questo prodigio della tecnologia; e 269$ per il MegaPack che comprende tutti gli stili di accompagnamento e assoli.

Con Band in a Box è possibile anche creare assoli nello stile di vari artisti tra i più importanti al mondo per vari strumenti musicali, esercitarsi con i brani demo, per lo più standard del jazz e classici del rock, registrare in formato audio e masterizzare CD con le proprie composizioni musicali. Ma con la versione 2007 Band in a Box si arricchisce di nuovi interessantissimi tools che stanno facendo assomigliare Band in a Box più ad uno studio virtuale del futuro che ad un software per accompagnamento musicale.

Innanzi tutto RealDurms, che fornisce Band in a Box di un set di percussioni audio realistiche che sostituiscono in tante situazioni le percussioni midi delle vecchie versioni e creano sonorità per registrazioni professionali; Chord from Mp3, che estrae dai file audio informazioni quali accordi, tonalità e tempo e li restituisce nella schermata di Band in a Box; Soundtrack generator, che crea automaticamente basi musicali royalty-free per video, slideshow ecc, ed estende l’uso di Band in a Box anche al poscasting e al desktop publishing; Generate Chord for a Melody, che crea accordi da una melodia data o migliora la progressione di accordi esistente; TranzPort support, per usare dispositivi wireless; ma la lista è lunga e la trovate nella pagina caratteristiche Band in a Box 2007, per essere brevi, adesso si può usare la tastiera come se fosse un dispositivo midi per inserire le note in tempo reale, registrare audio con la funzione punch-in che permette di sostituire ad una registrazione precedente solo la parte selezionata, e tanti tools per esercitarsi con gli accordi ed il tempo musicale.

Insomma sono tante le applicazioni per cui Band in a Box è uno strumento insostituibile per lo studio e la composizione, anche se il programma per essere usato richiede uno studio specifico in quanto non è proprio semplice, viste le tante funzioni. Ancora non è possibile provare la demo 2007 – sul sito del produttore è disponibile la versione demo 2006 di Band in a Box-, quindi non è stato possibile provare le migliorie alla notazione classica e alle finestre di dialogo per l’audio. Per il futuro, integrazioni con un sequencer tipo Sonar, e un tool di notazione come Finale 2007 o anche Guitar Pro, sarebbe un grande passo avanti per la composizione musicale al computer, visto che l’unico difetto di questo software è quello di non dialogare con gli altri programmi musicali nel formato file nativo.

I Video di Soundsblog