Lou Reed impedisce a Susan Boyle di cantare “Perfect Day”

La notizia è circolata in fretta, visto che Susan Boyle in seguito all’accaduto pare si sia rifiutata di cantare altro, precipitandosi all’aeroporto per tornarsene a casa. Vediamo cosa è successo.La cantante scozzese viene invitata negli studi di “America’s got Talent” a Los Angeles. Per esibirsi ha scelto “Perfect Day”: una delle canzoni più belle scritte


La notizia è circolata in fretta, visto che Susan Boyle in seguito all’accaduto pare si sia rifiutata di cantare altro, precipitandosi all’aeroporto per tornarsene a casa. Vediamo cosa è successo.

La cantante scozzese viene invitata negli studi di “America’s got Talent” a Los Angeles. Per esibirsi ha scelto “Perfect Day”: una delle canzoni più belle scritte da Lou Reed. Al momento di andare in scena però, gli organizzatori fermano tutto. Sembra che l’ex leader dei Velvet Underground non voglia che la Boyle canti il suo brano.

Motivo? Non è esattamente quello che potrebbe definirsi un suo fan. Permesso negato, la Boyle che – riportano i presenti – scoppia in lacrime e si allontana in tutta fretta. Si rincorrono le voci e arriva una sorta di ‘smentita’: l’esibizione non è andata in porto per “un inconveniente” legato a non meglio precisate “questioni contrattuali”. Forse ne sapremo di più nelle prossime ore. Intanto, dopo il salto, ci ascoltiamo l’originale di una delle più belle ballate rock mai scritte.