Le dieci canzoni più belle dei Beatles (secondo il Rolling Stone)

Coraggiosi, non c’è che dire. L’idea è di quelle che possono far scatenare risse tra gli appassionati: come si fa a scegliere (e soprattutto decretare) quali sono le migliori dieci canzoni dei Beatles? Se il ‘gioco’ è difficile con qualsiasi artista, figuriamoci con la discografia dei Fab Four. Non solo perché di brani splendidi ce

Coraggiosi, non c’è che dire. L’idea è di quelle che possono far scatenare risse tra gli appassionati: come si fa a scegliere (e soprattutto decretare) quali sono le migliori dieci canzoni dei Beatles? Se il ‘gioco’ è difficile con qualsiasi artista, figuriamoci con la discografia dei Fab Four.

Non solo perché di brani splendidi ce ne sono moltissimi, ma perché chiunque (probabilmente anche i più giovani) ha una loro canzone legata a un momento della vita. Con i ‘miti’, i personaggi entrati nella Storia della Musica, funziona così: diventano parte integrante dell’esistenza delle persone.

La redazione del Rolling Stone c’ha provato. Una top ten: dieci titoli ‘secchi’. In coda c’è “While my guitar gently weeps”, sofferta ballata rock-blues scritta dal compianto George Harrison. Man mano che si sale, arrivano i pezzi da novanta: “Let it be” in ottava, mentre “Yesterday” è quarta. E in cima?

Terza “Strawberry Fields Forever”, uno degli inni lisergici della band, capolavoro indiscusso del pop psichedelico e ‘doppio’ lato A di un 45 giri che conteneva anche “Penny Lane” (sì: erano talmente belle entrambe che l’etichetta decise di non scrivere ‘lato B’). Seconda sul podio “I Want to Hold Your Hand”: scelta da ‘americani’ (fu il pezzo che segnò l’arrivo della Beatlemania negli USA). Al primo posto, una canzone che non ha bisogno di presentazioni. Infatti mettiamo direttamente il video qui di seguito e vi invitiamo a stilare la vostra classifica nei commenti mentre l’ascoltate.