I Muse con The Edge suonano “Where The Streets Have No Name” sul palco del festival di Glastonbury

Si è conclusa ieri l’edizione 2010 del Festival di Glastonbury. Il “Glastonbury Festival of Contemporary Performing Arts” (questo è il nome completo della rassegna) ha da sempre riservato sorprese e duetti inediti. Il clima rilassato e ‘bohemien’ delle origini (favorito anche -pare- dal consumo smodato di droghe), è riuscito a influenzare anche i momenti più

Si è conclusa ieri l’edizione 2010 del Festival di Glastonbury. Il “Glastonbury Festival of Contemporary Performing Arts” (questo è il nome completo della rassegna) ha da sempre riservato sorprese e duetti inediti. Il clima rilassato e ‘bohemien’ delle origini (favorito anche -pare- dal consumo smodato di droghe), è riuscito a influenzare anche i momenti più recenti.

Quest’anno, uno dei gruppi di punta in cartellone sarebbero dovuti essere gli U2. Purtroppo, come ben sappiamo, Bono è stato vittima di un brutto incidente che lo ha costretto a rinviare alcune date e ha messo a repentaglio delle altre. Tra quelle depennate, proprio quella del celeberrimo festival.

Alla fine The Edge però non si è rassegnato ed è andato a Glastonbury lo stesso. I Muse avevano intenzione di omaggiare la band irlandese più nota del pianeta con una cover di “Where The Streets Have No Name” e il chitarrista degli U2 si è offerto di salire sul palco per caratterizzare il brano con uno degli arpeggi più noti della storia recente del rock. Il risultato è nel video dell’esibizione che vi proponiamo. Bellamy non sarà Bono, ma non lo fa rimpiangere poi troppo. O no?

I Video di Blogo

Alessandro Cattelan, Ce la faremo

Ultime notizie su Muse

Tutto su Muse →