Axl Rose fa causa al suo ex manager Irving Azoff per 5 milioni di dollari

Non c’è giorno in cui le gesta di Axl Rose non siano sulle pagine di qualche giornale. Il leader dei Guns n’ Roses ha intentato una causa per 5 millioni di dollari contro il suo ex manager Irving Azoff, accusandolo di avere sabotato le vendite dell’ultimo album dei Guns N’ Roses e aver mentito riguardo

Non c’è giorno in cui le gesta di Axl Rose non siano sulle pagine di qualche giornale. Il leader dei Guns n’ Roses ha intentato una causa per 5 millioni di dollari contro il suo ex manager Irving Azoff, accusandolo di avere sabotato le vendite dell’ultimo album dei Guns N’ Roses e aver mentito riguardo un potenziale “super tour” con Van Halen (che il sig. Azoff ha organizzato) come parte di un piano per forzare Axl Rose a riunirsi con gli ex membri del gruppo.

Rose, frontman e unico componente della band originale dei Guns’ n Roses afferma che Azoff non è riuscito a promuovere nel migliore dei modi l’album del 2008, “Chinese Democracy” e che ha deliberatamente mal gestito le date dei concerti, “forzando Rose a prendere una posizione che non avrebbe voluto prendere per riavvicinarlo agli ex componenti del gruppo per un reunion tour”.

Axl Rose inoltre accusa Azoff di averlo insultato per aver usato negli incartamenti della causa, che a sua volta anche Azoff ha intentato nei suoi confronti, il nome da adottato, William Bailey, invece del suo nome legale, Willam Axl Rose, per colpirlo e danneggiarlo emotivamente. Azoff sa, per le confidenze che il cantante gli ha fatto nel corso degli anni, che il nome William Bailey fa riaffiorare in Axl quell’ infanzia di sofferenza che hanno segnato tutta la sua esistenza. Quando ad Azoff é stato chiesto di commentare al riguardo ha dichiarato: “Su consiglio del mio consulente legale al momento non posso rispondere ma avrò modo di parlarne nel mio prossimo libro dal titolo “My Life With William Bill Bailey”(La mia vita con William Bill Bailey).

Via | ArtsBeat

I Video di Soundsblog