Sting: “La guerra alla droga sta fallendo, legalizziamo la marijuana”

Secondo quanto riportato dal famoso sito americano di news “Huffington Post”, Sting si sarebbe dichiarato apertamente favorevole alla legalizzazione delle droghe leggere (marijuana, in questo caso) per una serie molteplice di fattori, dal riutilizzo a fin di bene delle tasse raccolte in questo modo alla revisione delle leggi che, secondo il musicista britannico, violano inequivocabilmente


Secondo quanto riportato dal famoso sito americano di news “Huffington Post”, Sting si sarebbe dichiarato apertamente favorevole alla legalizzazione delle droghe leggere (marijuana, in questo caso) per una serie molteplice di fattori, dal riutilizzo a fin di bene delle tasse raccolte in questo modo alla revisione delle leggi che, secondo il musicista britannico, violano inequivocabilmente i diritti fondamentali degli individui:

“La guerra contro le droghe ha fallito e le persone che hanno veramente bisogno di aiuto non possono averlo come neanche chi ha la necessità di utilizzare la marijuana come medicinale per curare una malattia. Stiamo spendendo migliaia di milioni, riempiendo le carceri di delinquenti non violenti e sacrificando le nostre libertà fondamentali. Legalizziamo la marijuana e utilizziamo i soldi raccolti in questo modo per contrastare la povertà e il riscaldamento globale.

Le libertà civili sono state calpestate. L’applicazione della legge è stata militarizzata. Centinaia di migliaia di milioni di dollari, che avrebbero potuto debellare epidemie e carestie, sono stati sperperati. Le persone che hanno bisogno di aiuto attraverso le droghe sono state trattate come delinquenti. Tutto questo nel silenzio più assoluto, mentre diminuiscono significativamente le risorse per combattere il crimine.”

via | Huffington Post