Morgan: tour sospeso, deve operarsi alle corde vocali

Attraverso una nota, Morgan ha annunciato ai suoi fans di doversi operare al più presto alle corde vocali e che, proprio per questo, è costretto ad annullare i concerti che avrebbe dovuto tenere in questi mesi, tranne quelli imminenti in Sicilia. Il perchè ce lo spiega direttamente lui: “Vorrei con queste poche righe farvi partecipi


Attraverso una nota, Morgan ha annunciato ai suoi fans di doversi operare al più presto alle corde vocali e che, proprio per questo, è costretto ad annullare i concerti che avrebbe dovuto tenere in questi mesi, tranne quelli imminenti in Sicilia. Il perchè ce lo spiega direttamente lui:

“Vorrei con queste poche righe farvi partecipi del mio stato di salute che non mi ha permesso di rendere al meglio le mie ultime prestazioni vocali nei concerti o nelle esecuzioni in televisione. Si trattava di impegni che nonostante tutto ho voluto rispettare e portare a termine in modo combattivo e un po’ incosciente. La causa è un problema alle corde vocali per il quale è indispensabile un intervento chirurgico cui seguirà un periodo di riabilitazione e riposo vocale della durata di qualche mese.

Purtroppo, saranno perciò annullati i concerti dell’ attuale tournèe teatrale finora in calendario, fatta eccezione per le tre date siciliane imminenti che, nonostante le pressioni dei medici, non ho voluto cancellare per rispetto di tutti coloro i quali hanno già acquistato il biglietto chiedendo a loro di essere comprensivi se sarò costretto a cantare il meno possibile e se il repertorio sarà soffuso e intimo, sussurrato. I miei collaboratori vi terranno informati sugli sviluppi e sulle nuove programmazioni una volta che mi sarò ristabilito.”

A conclusione della nota, Morgan ci informa che i suoi collaboratori ci terranno al corrente degli sviluppi della triste faccenda e sulle future date del tour che riprenderà una volta conclusosi il periodo di riabilitazione e di riposo vocale.

Ultime notizie su Italians Do It Better

Tutto su Italians Do It Better →