Kasabian, il tram di “48:13”