Sanremo, Ron: "La tv ha fagocitato la gara". Loretta Goggi: "Si fa ancora per vendere le canzoni?"

Tutti contro Sanremo o meglio quello che rimane del Festival della canzone italiana. Ospite del programma radiofonico, Attenti al pupo, Loretta Goggi ha criticato aspramente il nuovo sistema di selezione dei pezzi sanremesi:

Ma Sanremo si fa ancora per vendere le canzoni e mandarle da qualche parte? Ovviamente no. Il mio rapporto con Sanremo e' sempre stato meraviglioso ma da incosciente, perche' ho partecipato al Festival non essendo una cantante. I festival organizzati da Gianni Ravera non erano truccati; lui gia' capiva quali erano le canzoni che potevano funzionare nel mondo e faceva dentro di se' una preselezione.

Anche Ron ha demonizzato le nuove formule sperimentata dopo la sua vittoria nel 1996 con Vorrei incontrarti tra cent'anni in coppia con Tosca (Fonte Il Venerdì di Repubblica):

Il Festival non è più un appuntamento per chi ama la musica, ai miei tempi era tutta un'altra cosa, c'era un'attenzione micidiale per le canzoni. Poi ha cominciato a prendere piede lo spettacolo, la tv ha fagocitato la gara. Il Paese della musica si è trasformato nel Paese dell'immagine.


Chi, invece, sembra tirarsi fuori da ogni gioco festivaliero è Rita Pavone, disposta a ritornare sulle scene musicali (e televisive) come giudice di un talent show (Fonte Di Più Tv):

Vedo che la tv italiana è piena di talent show in cui si canta, si recita e si balla. Mi divertirebbe fare parte di una delle giurie di questi programmi e cercare, con la mia esperienza, di aiutare i giovani artisti a migliorare. Vorrei che la Rai pensasse a me anche se purtroppo fino a oggi non ho mai ricevuto alcun invito e non so il perché.

Dopo l'opportunità offerta ad un'icona come Raffaella Carrà (a The Voice of Italy), la Tv di Stato troverà una giusta collocazione ad una delle regine della nostra musica?

Foto | Pagina Ufficiale Facebook Rosalino Cellamare

  • shares
  • +1
  • Mail