Tube Station: musica in metropolitana

metropolitanaroma

Con la penuria di spazi per esibirsi e un mercato discografico in seria difficoltà, i due appuntamenti come quelli del 25 e 26 settembre a Roma rischiano di diventare molto più che un successo. 100 band musicali, per oltre 600 giovani artisti in 24 ore di programmazione musicale su tanti diversi palchi allestiti.

Tube Station è una manifestazione che (come suggerisce il nome) si svolgerà nelle stazioni metropolitane di Roma, alle fermate di Battistini, Cipro, Giulia Agricola, San Paolo, Piramide e Ponte Mammolo. L'idea è di trasformare le stazioni in una specie di palco per artisti emergenti, che potranno essere ascoltati da un pubblico vasto e spettatori qualificati come artisti affermati e talent scout. L'intera manifestazione sarà presentata da noti Vj.

Ogni palco ospiterà a turno circa dieci band, con 15 minuti di tempo per ciascuna. Il risultato sarà un mini concerto della durata di circa un’ora e trenta. A fare da 'tutor' per i ragazzi ci saranno Simone Cristicchi (il 25 alle 20.30 alla stazione Cipro) e Alex Britti (il 26 alle 20.30 alla stazione Cipro). Concerto finale, per chi si sarà distinto, il 1 ottobre presso la sala Sinopoli dell' Auditorium, con Meg, Velvet, Niccolò Fabi, Lillo & Greg e Blues Willies.

Sostenuta dal comune di Roma e patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali l'iniziativa è sicuramente lodevole, anche se, c'è da chiedersi perché, invece di investire in queste manifestazioni sporadiche, non si prova a potenziare realtà più piccole, agguerrite e già esistenti.

  • shares
  • Mail