Sanremo 2019, Ligabue canta Dio è morto di Guccini con Baglioni

Ligabue a Sanremo 2019.

 

Luciano Ligabue apre ufficialmente la quarta serata di Sanremo 2019 cantanto Luci d'America. Per lui anche una discesa dalle scale del'Ariston, da vero superospite: 29 anni di carriera due volte al Festival (peraltro di seguito e sempre con Baglioni) e questa volta anche in veste di 'showman' con la spalla di Bisio.

 

Dopo una lunga gag sulla grandezza della sua partecipazione, proporzionale alla chitarra, e sulla sua natura di imperatore del rock, Ligabue canta Urlando contro il cielo. E poi via al "saluto" a Francesco Guccini, più che vegeto, con Dio è morto (nella quale, ricordiamolo, c'entrano anche un po' i Nomadi).  O meglio, è pur sempre un modo per portare all'Ariston temi che direttamente sembra sia difficile toccare in questo Sanremo.

Il duetto tra Baglioni e Ligabue su Dio è morto non credevo di vederlo mai a Sanremo, lo confesso.

In chiusura, prima che Liga fugga, si ricorda il tour di Liga negli stadi....

(Aggiornamento di Giorgia Iovane)

Sanremo 2019, Ligabue ospite: è ufficiale


E' il sito SanremoNews a confermare la presenza di Ligabue come ospite del Festival di Sanremo 2019 con una serie di scatti che mostrano in cantante all'uscita dell'hotel Globo, base per le prime esibizioni private in teatro.

Poco dopo è arrivata anche la conferma dello stesso Liga via Instagram.


 











Visualizza questo post su Instagram



















 

Le luci d’America, le luci dell’Ariston. Ci vediamo a #Sanremo2019! 📷 @jarnoiotti


Un post condiviso da Luciano Ligabue (@ligabue_official) in data: Gen 28, 2019 at 10:30 PST


Il cantante è da poco tornato con il nuovo singolo "Luci d'America" che anticipa l'uscita di "Start".

  • shares
  • +1
  • Mail