Rock’n’Music Planet: la storia del rock attraverso i memorabilia

Rock'N'Music Planet

Siamo stati a visitare Rock’n’Music Planet, la mostra allestita in un prefabbricato comparso qualche giorno fa in Piazza Duomo a Milano. Si tratta di una parte dell’immensa collezione di memorabilia che Red Ronnie ha raccolto negli anni, alternata alle opere rock di Marco Lodola, artista contemporaneo di originali sculture luminose.

Girando nel padiglione si attraversa la storia del rock per mezzo di una quantità enorme di vere e proprie chicche da collezionista, dalla chitarra su cui Jimi Hendrix componeva i suoi pezzi ai manoscritti di John Lennon e Jim Morrison con scarabocchi e testi delle canzoni.

E poi dischi rarissimi, juke box d’epoca, flipper tematici e una miriade di gadget, ritagli, biglietti, strumenti e disegni che, in un percorso temporale che attraversa oltre mezzo secolo, tracciano la storia della musica moderna.

Si parte dal primo 45 giri di Elvis (autografato) e si arriva alle scarpe disegnate da Dolce & Gabbana per Madonna. In mezzo cimeli di tutti i big, dai Beatles ai Rolling Stones e ricordi dei grandi eventi da Woodstock al Live Aid. Decenni di musica e tanti generi diversi che toccano Peter Gabriel e Sid Vicious, David Bowie e Luciano Pavarotti, gli Iron Maiden, i Duran Duran e Miles Davis. C’è di tutto e di più e ognuno sarà colpito maggiormente da ciò che sente più vicino o che magari ha vissuto in prima persona.

Sembra incredibile constatare come un piccolo oggetto o un vecchio pezzo di carta possano trasmettere una serie di emozioni così forti. Eppure per un appassionato trovarsi di fronte a certe cose equivale a riascoltare una canzone o rivivere un evento speciale. Potenza della musica e della passione.

La mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 22 fino al 15 marzo. Se passate a Milano, fateci un salto.

  • shares
  • Mail