Gianna Nannini interrompe per maltempo un live a Palermo e replica alle polemiche per il mancato rimborso dei biglietti

Lo scorso 21 agosto Gianna Nannini ha dovuto interrompere un concerto a Palermo causa maltempo. i fan si sono lamentati per il mancato rimborso dei biglietti. ecco la replica degli organizzatori.

gianna-nannini.jpg

Gianna Nannini è in queste ore al centro del fuoco incrociato dei suoi fan siciliani, rimasti delusi e molto arrabbiati dopo l'interruzione del live dell'artista toscana tenutosi lo scorso 21 agosto al Teatro di Verdura a Palermo. Il motivo? Dopo appena un'ora di spettacolo, gli organizzatori hanno ritenuto fosse necessario porre fine allo show a causa di una pericolosa tempesta di fulmini che si è abbattuta sul capoluogo siculo.

Il pomo della discordia è, in questo caso, il rimborso dei biglietti ai presenti. Sono infatti stati in tantissimi (più di 150) a mettere mano a Facebook lamentandosi del fatto che il tanto atteso concerto per cui avevano pagato "era durato soltanto 5 canzoni". La prima risposta alle rimostranze è arrivata da parte dell'organizzatore del concerto, Nuccio de Ferlita, che a riguardo ha dichiarato:

Lo show è durato un’ora e le canzoni interpretate sono state tredici. Quando si compra un biglietto per uno spettacolo all’aperto, bisogna considerare sempre il rischio pioggia. Il rimborso? Non è contemplato. Per legge, quando uno spettacolo comincia, automaticamente si deve saldare l’Iva allo Stato e i diritti Siae. In più bisogna pagare anche gli operai, gli addetti alla sicurezza e le persone che lavorano dietro le quinte. Non possiamo regalare nulla e soprattutto abbiamo messo al primo posto tra i nostri interessi la sicurezza. L’importante è che nessuno si sia fatto del male.

Gianna Nannini, delusa dalle dure parole lette sui social, ha poi replicato alle accuse con questo comuicato:

Ho letto le polemiche riguardo il mio concerto interrotto a Palermo il 21 u.s. dove , per motivi di sicurezza, durante una pioggia scrosciante, con lampi e fulmini, mi è stato imposto di fermare il concerto.
Io non sono stata certamente felice di questa decisione. Come sapete avevo già cantato all'Arena di Verona per tre ore sotto la pioggia, e avrei continuato a farlo anche a Palermo.
Nel rispetto del lavoro di tutti e per non mettere a rischio nessuno, dopo aver cantato 13 canzoni, mi hanno fermato.
L'organizzatore ha ben spiegato quello che può succedere in questi casi, responsabilità e conseguenze che seguono.
Io do il massimo in ogni concerto che faccio e non mi risparmio mai, si sa bene. Queste gratuite lamentele mi arrecano grande dispiacere, proprio alla fine di un tour fenomenale e proprio nella mia amata Sicilia.
Sinceramente non ho elementi per colpevolizzare nessuno per la decisione presa a tutela del pubblico di tutta la produzione
e dei compagni di viaggio, che ringrazio.
Gianna

Qui sotto uno dei video girati poche ore fa al concerto di Gianna Nannini a Palermo.

  • shares
  • Mail