Emma, Mi parli piano è ORO: "Grazie a tutti e a questo disco che ha ancora tanto da dire e tanto da dare"

Emma ringrazia i fan per il disco d'oro ottenuto con il singolo "Mi parli piano" estratto da "Essere qui".

"Mi parli piano", l'ultimo singolo di Emma estratto dall'album "Essere qui", è stato certificato disco d'oro.

E' il terzo pezzo estratto dal quinto lavoro in studio della cantante esplosa grazie da Amici, dopo "L'isola" ed "Effetto domino".

emma-mi-parli-piano.png

Tra gli autori del disco troviamo Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, Dario Faini, Giovanni Caccamo e Roberto Casalino.

Mi parli piano è stato certificato oro proprio in queste ore ed Emma ha voluto ringraziare i fan via social:

Grazie a tutti ?? Grazie soprattutto a questo disco che ha ancora tanto da dire e tanto da dare. #esserequi #miparlipiano #oro

Emma, Mi parli piano, Testo

La felicità è un’idea semplice
Davanti ai tuoi occhi
Tra l’aria che respiri
E quella che
Difficilmente trattieni
Abbiamo già un vissuto
Che a dire il vero
Somiglia più ad un conflitto
Il cuore spesso offeso
Da un dito che
Tu mi hai puntato al petto
Se gli occhi non riescono
A raccontarti ciò che vedi
Proverò io a dirtelo
Perché all’evidenza non ci credi
È troppo tempo che mi parli piano
Son troppi gli anni che ci conosciamo
Avremmo messo su un palazzo intero
E invece ci divide un muro
È troppo tempo che mi parli piano
O sei un ricordo lontano
È amore o solo un’ossessione
È un vento caldo
Troppo caldo che si muore
È caldo che si muore
Gioco a far la guerra
Perché l’amore non mi ha mai dato tregua
Ma se ti avrò di fronte ancora un’altra volta
Nel dubbio, farò la cosa più giusta
Se gli occhi non riescono
A raccontarti i miei pensieri
Proverò a descriverli un po’ tutti
Anche quelli più neri
È troppo tempo che mi parli piano
Son troppi gli anni che ci conosciamo
Avremmo messo su un palazzo intero
E invece ci divide un muro
È troppo tempo che mi parli piano
O sei un ricordo lontano
È amore o solo un’ossessione
È un vento caldo, troppo caldo che si muore
Siamo qui
Tra un passo incerto e l’utopia di un equilibrio ritrovato
Noi siamo qui
In un percorso parallelo
Ci tocchiamo senza mai incontrarci
Se gli occhi non riescono
A raccontarti ciò che vedi
Proverò io a dirtelo
Perché all’evidenza tu non credi
È troppo tempo che mi parli piano
Son troppi gli anni che ci confondiamo
Avremmo messo su un palazzo intero
E invece ci divide un muro
È troppo tempo che mi parli piano
O sei un ricordo lontano
È amore o solo un’ossessione
È un vento caldo, troppo caldo che si muore
È caldo che si muore
Attento che si muore

srapi.setPkey('252b199f1f3067f890b493eb52294b48'); srapi.setSongId(751869); srapi.run();

  • shares
  • Mail