Rita Pavone "contro" i Pearl Jam su Twitter? La cantante si spiega, ecco cosa è successo

Rita Pavone critica la frase dei Pearl Jam in concerto. Su Twitter partono le critiche e lei spiega il suo commento.

rita-pavone-foto.png

Ieri vi abbiamo raccontato cosa è successo al concerto dei Pearl Jam:

In occasione dell'ultima tappa del loro attuale tour mondiale nel nostro paese, tenutasi lo scorso 26 giugno allo Stadio Olimpico di Roma, i Pearl Jam hanno deciso di lanciare un chiaro messsaggio contro Matteo Salvini, attuale vice presidente del Consiglio. Nel bel mezzo dell'esibizione di Imagine, noto brano contro la guerra del compianto John Lennon, sui maxischermi alle spalle di Eddie Vedder è infatti apparso l'hashatag #ApriteiPorti, creato dal popolo del web dopo il rifiiuto, da parte di Salvini, di far attraccare in Italia la nave colma di migranti Aquarius.

Ma la scelta della scritta, come riportato anche dall'Adnkronos, è stata criticata da Rita Pavone che, via Twitter, ha commentato con un: "Della serie: ma farsi gli affari loro, mai?!"."

A quel punto, su Twitter, in molti le hanno risposto, costringendo la cantante a chiarire il suo punto di vista.




"Ai Cip e Ciop che prendono lucciole per lanterne e sparano bordate idiote solo per darsi un contegno da chi conosce il mondo a menadito e magari non è mai andato al di là dei 200 km da casa propria, rispondo che ritengo poco etico e altamente opportunistico approfittare di un proprio concerto per dare consigli, pur cantando una meravigliosa canzone ad altri. Se ci tieni a dire la tua , fai un concerto ad hoc per quella causa. Come fecero con Live Aid Michael Jackson è tantissimi altri. ...E il mio: " Ma farsi gli affari loro, no ? " , era inteso come : Con tutte le rogne che hanno a casa loro negli USA, vengono a fare le pulci a noi ? Puoi essere il più grande artista del mondo, ma ciò non toglie che sei un ospite e come tale dovresti comportarti. Amen"

Dopo la spiegazione, la cantante ha poi replicato per sottolineare quello che lei intendeva esprimere, come riportato poi dai successivi tweet e ribadito in altre occasioni:


  • shares
  • Mail