Cosmo, Quando ho incontrato te è il nuovo singolo (Testo e Audio)

Il nuovo singolo del dj e producer di Ivrea.

cosmo.jpg

Quando ho incontrato te è il nuovo singolo di Cosmo, secondo estratto dall'album Cosmotronic, pubblicato lo scorso 18 gennaio. Quando ho incontrato te è in rotazione radiofonica dallo scorso 23 marzo ed è il secondo singolo estratto dopo Turbo.

Ancora prima di diventare un singolo ufficiale, i fan di Cosmo hanno accolto molto bene Quando ho incontrato te, considerato il fatto che la canzone ha già superato il milione di streaming su Spotify.

Come riporta il comunicato ufficiale, Quando ho incontrato te è stata l'ultima canzone in ordine di tempo che Cosmo ha composto per l'album Cosmotronic.

In questo periodo, il dj e producer di Ivrea è impegnato con il Cosmotronic Tour, la nuova tournée partita lo scorso 16 marzo con una doppia data sold out a Bologna e arrivata in Italia dopo i successi ottenuti in Europa, precisamente a Parigi, Lussemburgo, Londra e Berlino.

Di seguito, trovate il testo di Quando ho incontrato te.

Cosmo - Quando ho incontrato te | Testo

D'improvviso apro gli occhi e mi sveglio, non so bene perché
Ho dormito poco più di tre ore e adesso eccomi qui
Potrei alzarmi e trascinarmi in cucina, chissà in frigo che c'è
Potrei prendere coraggio e svegliarti, chiacchierare con te
Con te di che ma no
Meglio se continui a dormire non venire quaggiù
Il tuo sonno vale più di un respiro, tieni in vita anche me
Anche me anche se lo so, passerà
Come passa un sabato
Mi addormenterò
Senza più paura ma adesso
Guardo dentro di me o forse no
Quanto è borghese tutto questo, mi vergogno un po'
Non so più come sto, chi vincerà
Né come stavo quando mamma ha lasciato papà
Ciò che è sepolto in me ritorna su
Speriamo spunti fuori qualche bel ricordo
Quando ho incontrato te, e chi lo sa
Manco ricordo quand'è che mi hai dato il numero
Sento un rumore, cos'è?
È il camion della spazzatura
È l'edicola di sotto che apre
È qualcuno che va già a lavorare
È la grande macchina che riparte come in ogni città
Per produrre per il bene di chi, tra poco tocca a me
Ed io che faccio? Non sono pronto
Ho chiuso gli occhi proprio come te
Ho anche imitato il tuo respiro
Forse rimpiango ciò che non ho più
O l'uomo che non sono mai stato
Passerà
Come passa un sabato
Mi addormenterò
Senza più paura di niente
Guardo dentro di me o forse no
Quanto è borghese tutto questo, mi vergogno un po'
Non so più come sto, chi vincerà
Né come stavo quando mamma ha lasciato papà
Ciò che è sepolto in me ritorna su
Speriamo spunti fuori qualche bel ricordo
Quando ho incontrato te, e chi lo sa
Manco ricordo quand'è che mi hai dato il numero
D'improvviso chiudo gli occhi ed è l'alba ma va bene così
Anche se tra poco devo svegliarmi mi addormento e

  • shares
  • +1
  • Mail