"David Bowie era come John Lennon. Un artista, un'icona" Parla Tim Lefebvre, bassista in Blackstar

Tim Lefebvre, bassista in Blackstar, ricorda lo scomparso David Bowie in un commovente ritratto.

Tim Lefebvre è un membro dei Tedeschi Trucks Band, ed è stato il bassista in tutte le canzoni presenti nell'ultimo album testamento di David Bowie, Blackstar. Il sito Rolling Stone ha riportato l'intervista al musicista, a poca distanza dalla scomparsa del cantante britannico. Sono parole molto emozionanti e sentite. Vi riportiamo i passaggi qui sotto, per un altro ricordo e un ulteriore ritratto dall'amato e compianto David.

Ora si può capire meglio ciò di cui parlava l'album Blackstar. Sapevo che David era malato, ma non fino a questo punto. Ci ha fatto capire che era fragile. Noi non l'abbiamo capito. Quando cantava, quando suonava, aveva la forza di un pugno. Sono sconvolto.

Ieri sera, stavo suonando al Blue Whale, un club di Los Angeles, quando ho saputo la notizia. Ho controllato il mio telefono e letto un messaggio che diceva: "Se n'è andato." Mark Giuliana, il batterista di Blackstar, era con me. Sono tornato sul palco pensando: "Non può essere vero." Era incredibile e sconvolgente, sono andato avanti ad esibirmi, trasportato dall'energia prepotente di David. Lui ha dato vita a questo album sapendo che stava per morire e non si è mai lasciato andare fino alla fine. E' la sua volontà, il suo patrimonio finale, un ultimo regalo per tutti noi. Ti rendi conto la generosità di questo grande artista? Spesso siamo così pieni di autocommiserazione. Nel frattempo David ha lavorato, dando tutto se stesso con un sorriso, nonostante la malattia.

Adesso ascolto tutte le canzoni e solo ora mi rendo conto che "Dollar Days" è la cronaca di una morte annunciata. Ho sentito l'incredibile tristezza di questa canzone durante la registrazione. La sua voce, le sue parole - "I'm falling"; "I'm dying to" - erano piene di dolore, piene di speranza e anche di solitudine. Si tratta, nello stesso tempo, di un ultimo tentativo di sopravvivenza e l'ammissione che non ce l'avrebbe fatta.

The portrait of David Bowie has been laid during a memorial event for the British singer at the consulate of Great Britain in St Petersburg on January 11, 2016.  The musician David Bowie died on the 70th year of life. On January 8 he was 69 years old, specially to this date the singer let out the 25th album. / AFP / OLGA MALTSEVA        (Photo credit should read OLGA MALTSEVA/AFP/Getty Images)

David era una stella. Lo sapeva. L'uomo era più potente dell'immagine. Riusciva a controllare tutto. Era un re e un gentiluomo. Ha trattato tutti con rispetto e amore. Era sincero, autentico e onesto. Ha fatto sentire tutti importanti. Era il primo ad applaudire quando rimaneva sorpreso da qualcuno mentre suonava. Era spesso stupito. Così meraviglioso.

David Bowie era come John Lennon. Un artista, un'icona, una persona veramente di grande impegno che non sarà mai dimenticato. E 'stato il più grande musicista che abbia mai ascoltato. Un genio che ha rivoluzionato pop e rock, rompendo tutte le barriere.

E' come se David ci avesse portato con lui nella sua astronave, mostrandoci la vista della Terra dalla stratosfera: In "Heroes" - parlando del Muro di Berlino - o in "Blackstar", una canzone politica con molti substrati che ancora sto cercando di capire. Ho imparato così tanto da lui, dalla sua straordinaria fantasia e dall'incredibile narrazione. Ho visto con i miei occhi come ha trasformato se stesso Potrebbe, trasformandosi in una donna o un personaggio estroverso e pazzo.

Davide era un uomo pieno di amore e di straordinario senso dell'umorismo. Durante la registrazione di Blackstar, Abbiamo trascorso i giorni a ridere. David ed io ci davamo battaglia con le parole, sul suo forte accento britannico. Si mise a ridere e mi ha soprannominato "Cunt", un riferimento alla canzone dei comici inglesi Peter Cook e Dudley Moore dove continuano a ripetere la parola "cunt". Alla fine, tutti mi chiamato così, anche il tecnico del suono.

Non posso credere che non sia più qui. Che cosa ha mi ha lasciato? L'ispirazione incredibile nel fare dischi e musica potente come la sua, proprio come abbiamo fatto insieme proprio come chi era in questo piccolo studio di registrazione di New York - senza fronzoli, con solo ciò che era essenziale.

  • shares
  • Mail