Rita Ora contro la Roc Nation: la cantante vuole rescindere il contratto con la casa discografica

Rita Ora si sente abbandonata dalla sua etichetta discografica e si rivolge alla Corte Superiore di Los Angeles.

Rita Ora ha deciso di allontanarsi dalla Roc Nation e per riuscirci ha chiesto direttamente l'intervento della Corte Superiore di Los Angeles. La notizia è stata resa nota da Billboard che ha spiegato nei dettagli i motivi che hanno portato la cantante a prendere questa decisione e presentare la denuncia in tribunale. Alla base di questa scelta ci sarebbe, soprattutto, l'assenza di Jay Z, impegnato maggiormente nell'ambito dello sport e in altri settori legati alla casa discografica.

"Quando Rita ha firmato, la Roc Nation e i suoi dirigenti erano molto coinvolti con lei come artista. Gli interessi della Roc Nation si sono poi diversificati, c'erano meno risorse disponibili e la società ha subito un via vai di dirigenti e i sostenitori di Rita rimasti presso l'etichetta se ne sono poi andati o sono stati trasferiti ad altre attività, al punto che lei non aveva più un rapporto con nessuno in azienda"

rita-ora.png

Inoltre, sempre secondo quanto sarebbe stato accompagnato nella richiesta scritta di poter chiudere il legame con la casa discografica, la cantante si sarebbe anche "auto-finanziata le apparizioni televisive di promozione, i costi e i progetti relativi alla registrazione dei video.

Il suo ultimo singolo, Body On Me, in collaborazione con Chris Brown, inoltre, non è riuscito nemmeno a fare il suo ingresso nella Billboard Hot 100. L'album di inediti della cantante è stato successivamente rimandato al 2016.

"Stavo registrando un album in passato con qualcuno che ho amato personalmente e poi è finita e non volevo rilasciare quella musica perché raccontava più di me. Perciò non aveva senso per me fingere. Non è bello far finta con i fan ... E poi doverlo promuovere per tre anni era come una sorta di tortura"

  • shares
  • +1
  • Mail