Laura Pausini, Simili: testo e video ufficiale

Simili di Laura Pausini: guarda il video, leggi il testo e ascolta la canzone su Blogo.it

Aggiornamento: Ed ecco il video ufficiale del secondo singolo estratto dall'ultimo album di Laura Pausini, Simili. Nella clip, insieme alla cantante, vediamo anche i ragazzi protagonisti di Braccialetti Rossi. Il brano, infatti, sarà la sigla della nuova stagione della fiction, prossimamente in onda su Rai Uno.

Update: Ecco il video lyrics di Simili il nuovo singolo di Laura Pausini estratto dall'omonimo album.

Sarà in radio da venerdì 27 novembre Simili, il nuovo singolo di Laura Pausini estratto dall’omonimo album pubblicato dallo scorso 6 novembre.

Il brano, firmato dalla stessa cantante e da Niccolò Agliardi che ne firma anche la musica insieme Edwin Roberts:

rappresenta un filo conduttore per le canzoni presenti nell’album. La bellezza di essere simili, è la bellezza stessa della vita: l’essere diversi dagli altri, seppur non totalmente, e allo stesso tempo assomigliare agli altri, pur non essendo uguali. È questo il nostro legame con il mondo, con la vita.

pausini-simili.png

La canzone sarà accompagnata da un video girato da da Leandro Manuel Emede e Nicolò Cerioni (come gli altri 14 clip che accompagnano tutti i brani del disco), girato nel giardino di una suggestiva villa italiana, a Stra, e nel suo intricato labirinto. La clip vede protagonisti anche gli attori di “Braccialetti Rossi”, il brano sarà, infatti, colonna sonora della prossima stagione della popolarissima serie.



Sono scappata via
quando mi sono vista dentro a un labirinto
senza decidere.


Ospite in casa mia
con sillabe d’amore tutte al pavimento
come la polvere.


Ma arrivi tu che parli piano
e chiedi scusa se ci assomigliamo.
Arrivi tu da che pianeta?
Occhi sereni anima complicata
anima complicata.


Io così simile a te
a trasformare il suono della rabbia.
Io così simile a te
un bacio in fronte e dopo sulle labbra.
La meraviglia di essere simili
la tenerezza di essere simili
la protezione tra esseri simili.


Non mi domando più
se ci sarà qualcuno a tendere la rete
pronto a soccorrere.
Me lo ricordi tu
chi vola impara a sfottere le sue cadute
come a difenderle.
E così fai tu e nascondi piano
la tosse e il cuore nella stessa mano.
Arrivi tu
che sai chi sono.


Io così simile a te
a trasformare il suono della rabbia.
Io così simile a te
un bacio in fronte e dopo sulle labbra.
La meraviglia di essere simili
la tenerezza di essere simili.


Arrivi tu che fai passare
la paura di precipitare.


Io così simile a te
liberi e prigionieri della stessa gabbia.
Io così simile a te
un bacio in fronte e dopo sulle labbra.
La meraviglia di essere simili
la tenerezza di essere simili
la commozione per essere simili.


srapi.setPkey("252b199f1f3067f890b493eb52294b48"); srapi.setSongId(754586); srapi.run();
  • shares
  • +1
  • Mail