J Ax denunciato dal critico Dario Salvatori

Il rapper e giudice di The Voice è indagato per diffamazione nei confronti del critico musicale dopo una serie di frasi poco felici pubblicate su Facebook.

j.ax

Dario Salvatori contro J.Ax, J.Ax contro Dario Salvatori, e la procura di Milano che indaga per i reati di diffamazione, istigazione a delinquere e minaccia al critico musicale da parte del rapper. Potrebbe sembrare eccessivo ma l'avviso di chiusura indagine recapitato al giudice di The Voice Of Italy, all'anagrafe Alessandro Aleotti, sta a significare in campo giuridico l'inizio di un probabile processo.

Tutto comincia all'incirca un anno fa durante la seconda edizione del talent che vede J.Ax mattatore assoluto tra i giudici: Dario Salvatori, critico musicale cresciuto e diventato celebre ai tempi di Renzo Arbore con Quelli della notte, presenzia alla trasmissione televisiva "Le amiche del sabato" del 24 Maggio 2014 e spiega cosa secondo lui non funzioni nel meccanismo dei talent in tv.

Questo genere di trasmissioni avvantaggia solo i giudici che vedono ripartire le loro carriere e non i cantanti, che invece restano precari.

Sembrerebbe una critica generica, ma a quanto pare non lo è: anzi, sembrerebbe riferirsi specificatamente a J.Ax. Il quale, avvisato da un fan con un Tweet, va a recuperarsi la puntata e decide di ribattere con un lunghissimo post su Facebook:

Ieri mi stavo godendo il mio sabato pomeriggio quando su Twitter qualche mio fan scrive “Ax, Salvatori ha detto su Rai1 che è solo grazie al talent show se ti conoscono ancora”, cosa che ho trovato subito ironica visto che è solo grazie a Google se so quale faccia abbia Salvatori. Immagino che ogni volta che qualcuno cerca “Dario Salvatori” su un motore di ricerca il processo di calcolo necessario per trovare qualche informazione esistente sia equivalente a quello che è stato necessario per renderizzare tutti i quattro Shrek. Quindi per favore non cercatelo anche voi, altrimenti sovraccarichiamo Google e addio GMAIL per tutti.
L’idiozia riportata mi ha comunque incuriosito abbastanza da portarmi a vedere la trasmissione televisiva in questione.

J.Ax non ha avuto certo belle parole per il critico musicale, come si legge nel prosieguo del post:

Andate avanti a 1 ora e 40 minuti circa finché non vedrete parlare questo tizio vestito da vaccaro del Texas, completo di cravattino e scarpe a punta e una camicia che sembra uno di quei test che ti fanno da bambino per scoprire se sei daltonico. Una via di mezzo fra Boss Hogg di Hazzard e un poser qualsiasi che si veste da vaccaro del Texas in trip da peyote senza aver mai avuto un callo sulla mano in vita sua. Ho sempre adorato quelli convinti che basti vestirsi in modo “strano” per sembrare degli “artisti”. Mi ricordano quelli che attaccano gli adesivi a strisce sulle macchine pensando che le faccia andare più veloce. O i tipi di persone che mettono “mi piace” alle proprie foto di Facebook.
Ragazzi, con gente come Salvatori ogni programma TV diventa subito il miglior horror italiano dai tempi d’oro di Dario Argento. Sul serio. Dopo gli zombie che camminano di Romero, quelli che corrono di Walking Dead ora ci sono quelli che si siedono su Rai Uno!
Quelli come lui occupano il servizio pubblico come morti di fuffa, vivono dentro la TV italiana senza assolvere nessuno scopo pratico; esistono perché sarebbe più costoso e dispendioso adoperarsi per rimuoverli da lì, come quei satelliti dell’Unione Sovietica difettosi che continuano a orbitare intorno alla terra come spazzatura spaziale finché non cadono da qualche parte nell’oceano. E la televisione italiana è piena di personaggi simili: continuano per inerzia finché non finiscono dimenticati e quindi cancellati. Nessuno ne sente la mancanza perché vengono sostituiti da altra fuffa identica. Perché, troppo spesso, per popolare la TV italiana l’unico talento richiesto, oltre alla capacità di assumere una posizione eretta a comando, è quello di essere in grado di emettere suoni con la bocca.
In un paese con il libero mercato e la meritocrazia, chi produce fuffa viene portato nel retro di un mattatoio e artisticamente terminato con l’aria compressa. Se sei intellettualmente irrilevante non appari. In Italia puoi andare in diretta ed essere pagato da tutti noi.
In mezzo a tante brutture l’unica luce del programma è stata quella di Carolina: pura, dolce e sveglia come è sempre stata ogni volta che l’ho vista.

L'intervento di J.Ax si era concluso con un'amara nota verso l'ignoranza sui suoi ultimi anni di carriera:


Per la prima volta, però, ho trovato un’utilità alla fuffa, mi permette di chiarire un concetto che mi sta a cuore. Si è diffusa questa opinione, fra giornalisti musicali col papillon e derivati animali vari, che la mia carriera si sia conclusa con lo scioglimento degli Articolo 31. Ignorano praticamente gli ultimi 10 della mia vita. Tutti i dischi di platino, i tour, i concerti sold out, le piazze piene che ci sono state e che ci saranno ancora a giorni. E questo mi dà fastidio non solo perché cancellano tutto il lavoro che io e chi mi sta vicino ha fatto, ma perché pretendono di cancellare le emozioni di chi mi ascolta e mi segue sempre. Nelle loro torri d’avorio a pannelli solari non si guadagnano punti fragola ascoltando J-Ax, quindi J-Ax non esiste. Quindi voi non esistete. E fra Facebook e Twitter siete 1 milione e mezzo, ce n’è da cancellare!
Ringrazio quindi Dario, ma soprattutto Google per avermi fatto scoprire Dario, per l’occasione di chiarire tutto questo. Perché io non mi tolgo “i sassolini dalle scarpe”, io i sassi li prendo, li metto davanti a una mazza da baseball e ve li rispedisco indietro in mezzo agli occhi.

A Settembre 2014, quando viene resa nota la denuncia di diffamazione da parte di Dario Salvatori contro J.Ax, il rapper ha affidato sempre a Facebook la propria difesa, promettendo di devolvere i soldi della causa ad un'associazione contro il bullismo.

Forse i più giovani fra voi lo ignorano, ma i "bulli" non si incontrano solo a scuola. Li incrocerete sempre nella...

Posted by J-Ax on Saturday, 6 September 2014

Forse i più giovani fra voi lo ignorano, ma i "bulli" non si incontrano solo a scuola. Li incrocerete sempre nella vostra vita, e spesso sarà difficile riconoscerli, perché non useranno i muscoli per bullizzarvi. Cercheranno di usare la loro influenza o la loro posizione per attaccarvi, li troverete nel posto di lavoro o anche solo in fila per una pizza, ma saranno lì. Qualche mese fa qualcuno ha provato a bullizzare me, la mia carriera e i miei fans e io ho risposto difendendo il mio lavoro qui su Facebook. E, come tutti i bulli, invece di rispondere a sua volta, si è rivolto pavidamente a qualcuno di più forte di lui perché incapace di affrontare una persona che non abbassa il capo. Questa denuncia per me è soltanto un'altra sfida che verrà vinta contro un bullo, e i soldi che otterrò verranno donati a una associazione che si batte proprio contro il bullismo. Per citare il mio filosofo preferito "Ecco come si divora una balena. Un morso alla volta.".

Dario Salvatori, da par suo, non ha replicato via social ma ha affidato tutto all'avvocato Armando Fergola. L'indagine si è ora conclusa: ora toccherà al processo per vedere se la diffamazione da parte di J.Ax nei confronti di Dario Salvatori ci sia stata davvero e in che forma, eventualmente, ci sarà da pagare.

Via | Il Fatto Quotidiano

  • shares
  • Mail