Juanes con i Negrita contro le mine antiuomo

La musica è più che mai veicolo di messaggi sociali. E allora anche qui a Soundsblog non possiamo fare a meno di segnalare una iniziativa da applausi. Prtotagonista il colombiano Juanes, vincitore di 12 grammy latini ed i Negrita, la rock band di Arezzo assai avvezza alle collaborazioni.

"Dove le pietre sono mine" è la versione italiana di "Minas pedras", canzone scritta da Juanes e contenuta nel suo lavoro "La vida es un ratico", che ha sbancato in Spagna e sudamerica. La canzone, che parla delle mine antiuomo,rientra nel progetto di Inter Campus (in particolare quelli di Cali e Rio Negro) e del progetto di responsabilità sociale dell'Inter FC.

Un brano con un testo toccante, come toccante è il video, che raccoglie spezzoni di un documentario girato per Inter Campus dal premio Oscar Gabriele Salvatores e di altre dell'archivio della Fondazione "Mi sangre", creata da Juanes proprio a difesa dei bambini vittime delle mine-antiuomo.

Quello della guerra e dei bambini è un tema sempre molto sentito, bati pensare a "Pappagalli verdi" di Piero Pelù, recitativo inserito in "UDS - L'uomo della strada", ispirato al libro del fondatore di Emergency Gino Strada e alla precedente "Il mio nome è mai più", dello stesso Pelù, Ligabue e Jovanotti, che parlava di guerra in senso più ampio.

Troviamo recensioni su MusicJam, su Rotta a Sud Ovest (che ne pubblica anche il testo) e su Diggita.Ho scelto di proporvelo perchè a me personalmente fa venire la pelle d'oca e poi perchè è un tema sempre tristemente attuale, di cui le istituzioni non si occupano mai.

  • shares
  • Mail