Madonna, il MDNA tour, gli scandali e le polemiche: è congiura?

Madonna critiche

Spesso abbiamo parlato di Madonna negli ultimi tempi, proprio a partire dal suo primo singolo "Give Me all Your Luvin" e dal suo nuovo album "MDNA". Se da un lato abbiamo sottolineato il grande successo del tour non abbiamo potuto evitare di parlare anche del minore successo riscontrato con le vendite dell'album. Parliamo di una cantante davvero nota, una vera e propria icona da cui ci si aspettava dati maggiori d'acquisto. Questo è obiettivo.

Come può essere tale il giudizio dei fan. C'è chi difende a spada tratta tutte le nuove canzoni, chi invece ha ammesso di essere rimasto deluso dalla qualità delle tracce e chi, invece, ha criticato la poca (assente ad esclusione del Superbowl?) promozione del nuovo progetto. Il tour sembra essere il punto focale su cui si è concentrata la popstar. Legittimo, come anche l'amarezza di chi ha l'impressione che a Madonna non interessi più di tanto l'album.

E' una questione di tempo? Una questione di impegni? O semplicemente i concerti battono più cassa di ogni possibile acquisto di cd? Sono tutte opzioni, discutibili o meno. Quello che però, da spettatore esterno e non da fan a 360 gradi della cantante, appare evidente è la pubblicità negativa che la stampa italiana ed estera sembra riservare alla cantante. Dopo il salto analizziamo meglio questi punti.

Madonna è flop di vendite?

Madonna

    No, non possiamo parlare obiettivamente di flop. Riserviamo quella parola a chi veramente non è riuscito ad entrare in classifica. E' nella top ten degli album più venduti del 2012, non è poco. Ha deluso le aspettative? Vero. E' scomparsa dopo poco tempo dalle classifiche Billboard con singoli e album? Sì, ma ha comunque venduto dignitosamente nelle prima settimane. E se manca la promozione, manca una parte importante del lavoro. E se le canzoni estratte non sono forse le più azzeccate, questo non aiuta decisamente.

Madonna sta diventando patetica?

Madonna Istanbul

    Si legge spesso anche questo. Ed è un argomento spinoso. E' patetica? Forse è un termine troppo offensivo e sbagliato. Però, partiamo da una cosa. Stiamo parlando di Madonna. Decenni alle spalle di successi e una carriera invidiata da molti e da molte. Questo non possiamo - e non vogliamo- negarlo. Allo stesso tempo, però non possiamo nemmeno applaudire entusiasti ad una cantante che, sul palco di un concerto, a 54 anni, si abbassa il reggiseno per mostrare il capezzolo. Non lo faremmo per nessuno. Non perchè bigotti, sia chiaro. Ma, semplicemente, per due motivi: 1) non fa più scandalo, ormai i tempi sono passati 2) sei Madonna, non hai bisogno di farlo. Come conciarsi da cheerleader fuori tempo massimo. Lascialo fare magari a una nuova cantante in scena da un paio di mesi che cerca disperatamente di stupire. Mostrare il seno sul palco, senza un vero motivo, rischiano di sembrare le ultime cartucce da sparare. E, invece, di proiettili ce ne potrebbero essere ancora tanti. Basta avere voglia di tirarli fuori...

Madonna e il flop dell'Olympia

Madonna all'Olympia: ecco la risposta alle polemiche

    Lo spettacolo è stato un flop? No, i biglietti sono stati venduti tutti, le sue esibizioni sono state molto piacevoli. Lato "stonato" della vicenda? Il costo e la durata minima dello show. E adesso molti di voi diranno "Ma Madonna ha già fatto tante tappe live simili nei club e la durata è sempre stata quella". Ok, ma in un pub con gente a conoscenza di una scaletta ridotta all'osso è un conto, in diretta mondiale via streaming in un teatro francese con una pubblicità martellante di giorni e giorni, è un altro discorso. Mi spiego meglio. I fan lo sapevano? Tutti? Io non ero a conoscenza dei 45 minuti di spettacolo e da spettatore, mi ha deluso la durata minima. E i fischi? Ci sono stati. Ci sono anche le riprese video a mostrarlo . Ci sono stati i sostenitori di Marine Le Pen armati di cartelli? Facilissimo. Ma non lo erano tutti, come non tutti fischiavano. E la delusione e l'aria seccata non era solo tra coloro che erano sostenitori della Le Pen. Serpeggiava, era comprensibile. Lanciare bottiglie di plastica vuote sul palco o urlare, però, come incivili, quello non è giustificabile nemmeno oggi.

Madonna, le svastiche e le armi

Madonna Gang Bang

    Anche questo è un argomento delicato. La strage di Denver ha colpito tutto per l'assurdità della storia. Drammatica, crudele, spaventosa, un incubo ad occhi aperti. Il divieto di salire sul palco nella sua esibizione inglese era giusto? No. E semplicemente perchè Madonna non c'entra e impedire di usare una pistola giocattolo è semplicemente ipocrita. Se, però, lei stessa avesse voluto evitare per una sera di esibirsi con armi sul palco sarebbe stato un gesto di sensibilità. Per intenderci: a cantare "Gang Bang" sparando sul palcoscenico di un concerto non è stato irrispettoso o inadatto. Decidere di non eseguirlo, invece, sarebbe stato un gesto di partecipazione e di sensibilizzazione. Poteva essere evitato ma solo se a volerlo e a deciderlo fosse stata lei. Non l'ha fatto. Non importa, non dovrebbe essere motivo di polemiche. Stesso discorso vale per la svastica. Non è la prima volta che Madonna stupisce e cerca di scuotere le coscienze con immagini forti sul palco. Utilizzarla è mancanza di rispetto? Perchè? Sarebbe stato così se fosse stato legato ad un messaggio positivo, ad un concetto filo nazista. Ma lo scopo è il contrario, è la condanna aperta. Allora evitiamo ogni qualsiasi riferimento che possa essere male interpretato? In questo caso, con minacce dall'America e rischio di interruzione dei concerti, si sfocia davvero nel ridicolo. Ma non di Madonna. Dei critici a stelle e strisce.

Insomma, le critiche e le accuse ci sono state da molte parti del mondo. Ma quello che però rischia di apparire, continuando in questa direzione, è che tutto questo sembri molto simile ad una congiura. E si sa cosa succede in questo caso nelle favole...

Madonna

...la Regina bistrattata diventa sempre più amata e sostenuta.

  • shares
  • +1
  • Mail