Behemoth espulsi dalla Russia dopo una notte in cella

Ore di apprensione per la band polacca, finita in carcere a metà del tour e ora in attesa di giudizio.

***Aggiornamento***

Dopo una notte in cella, i Behemoth sono stati processati, multati ed espulsi dalla Russia, per aver violato le regole relative ai visti d'ingresso.

Appena usciti dal tribunale, i musicisti sono stati intercettati da znak.com, un sito antagonista al governo di Putin, che ha raccolto alcune dichiarazioni e scattato parecchie foto.

Riguardo alla notte in carcere, Nergal ha detto:

"Era una cella minuscola e le pareti erano incrostate di feci. Durante la notte abbiamo chiesto di poter usare il bagno, ma senza spiegazioni ci hanno negato il permesso e ci hanno fatto usare delle bottiglie di plastica."

Riguardo le accuse di essere entrati illegalmente in Russia:

"Abbiamo ricevuto i visti d'ingresso dal consolato russo a Varsavia. Ci avevano detto che avremmo dovuto compilare un visto per chi entra in Russia per affati, e abbiamo fatto tutto quello che ci hanno chiesto, e ci hanno dato i permessi. Adesso è saltato fuori che avremmo dovuto richiedere un visto non per affari, ma per "missioni umanitarie", per scopi culturali..."

Il risultato, sono 2000 rubli di multa (circa 50 euro) a testa e l'espulsione dalla Russia. Il resto del "Russian Satanist Tour", quindi, è stato annullato.

Behemoth arrestati in Russia per 'immigrazione clandestina'

Ore di apprensione per i Behemoth, in questi giorni impegnata nel "Russian Satanist Tour".
Arrivati a metà del tour russo (partito il 10 Maggio e che per otto concerti non ha avuto problemi), ieri a Ekaterinburg Nergal e gli altri sono stati fermati nel club dove avrebbero dovuto suonare, e dopo un controllo dei documenti sono stati arrestati. La notizia arriva direttamente dalla band, con un allarmante messaggio via Facebook

“Siamo stati trattenuti dall’ufficio immigrazione col pretesto di visti sbagliati. Quando abbiamo detto che non ci saremmo mossi dal club senza la presenza di qualcuno inviato dall’Ambasciata Polacca, hanno minacciato di farci uscire con la forza. Ci hanno portati con un pullman all'istituto della FMS (Servizio Federale per l'Immigrazione), scortati da dieci poliziotti. Abbiamo provato a contattare l’Ambasciata Polacca a Ekaterinburg, ma nessuno risponde al telefono.

Se potete, per favore, copiate questo messaggio e condividetelo ovunque. Ora probabilmente ci aspettano alcune ore di interrogatorio. Sicuramente il concerto è saltato. L'unica cosa che vogliamo adesso è ritornare tranquillamente in hotel e fare rientro in Polonia.”

Dopo quattro ore (alle ore 23.00), un aggiornamento veloce:

Notizie da Nergal: "Sembra che verremo portati in un carcere normale. Alle 9 andremo in tribunale, ci sarà la sentenza e, eventualmente, l'espulsione dal Paese."

nergal2014
Vedremo cosa succederà in mattinata, quindi, sperando tutto si risolva per il meglio. Stando ad alcuni commenti, la scusa dell'immigrazione clandestina sarebbe stata usata per sbarazzarsi dei Behemoth, che stavano propagando un "messaggio satanista" tramite i loro concerti...

Queste le date previste per il "Russian Satanist Tour 2014".

10.05 St-Petersburg
11.05 Murmansk
13.05 Vladivostok
14.05 Khabarovsk
16.05 Irkutsk
17.05 Krasnojarsk
18.05 Tomsk
19.05 Novosibirsk
21.05 Ekaterinburg
23.05 Samara
24.05 N-Novgorod
25.05 Moscow
26.05 Krasnodar
27.05 Minsk (Belarus)
28.05 Kiev (Ukraine) Yunost

  • shares
  • Mail