Mark Owen dei Take That parla di The Art of Doing Nothing, il nuovo album solista

Mark Owen racconta il suo nuovo album solista dopo la reunion con i Take That

Mark-Owen

Mark Owen sta tornando con un album solista, The Art of Doing Nothing e ha rilasciato una recente intervista, nelle scorse ore, al sito Digital Spy. Vi riportiamo alcune delle risposte date dal cantante dopo il successo della reunion con i Take That e il tour sold out.

Ciao Mark! Come stai oggi?
"Sto bene. Sono a sud ovest di Londra in una sala prove e il riscaldamento è acceso. E' quasi giugno, ma ci si sente come fosse novembre. Sto provando con la band. La cosa peggiore è, ho appena sentito che hanno smesso di suonare e stanno avendo una pausa tè"

Dopo i complimenti per il nuovo singolo "Stars", ecco come è nato il video che accompagna il pezzo:

"Ovviamente il titolo della canzone mi ha portato alla tuta spaziale. Il mio primo sogno quando ero piccolo era di essere un astronauta, così una parte di me sperava che un giorno avrei avuto l'opportunità di essere tale. Il budget non sarebbe stato sufficiente per andare fino allo spazio nella vita reale, così ho avuto modo di andare in giro a Berlino "

Abbiamo ascoltato alcuni dei brani sul tuo nuovo album ed un brano in particolare, 'Carnival', suona come qualcosa che registrerebbe una nuova band indie.

"Dici? Non è una brutta cosa quella che hai detto, non credo. Sono davvero soddisfatto per il disco e il sound. Quando ho quei piccoli momenti -.. E li ho, di tanto in tanto, nel dire, 'Perché sto facendo questo?' - Ascolto l'album e dico, 'Questo è quello che sto facendo!' Sono davvero orgoglioso di questo album. 'Carnevale' suona alla grande durante le prove ed è quello che mi porta a continuare"

Quanto di autobiografico c'è nello scrivere canzoni in studio?

"Penso che sia un po 'di tutto davvero. Trovo più facile a volte esprimere me stesso in una canzone. La gente dice sempre,'Bene, di cosa parla la canzone? 'e rispondo 'Beh, c'è un po' di quello e un po' di questo'. Mescolare un po' di tutto insieme e la canzone diventa un vaso con tutta una serie di cose diverse"

Ci sono stati dei brani a cui stavi lavorando e che pensavi sarebbe stata migliore come canzone dei Take That?

"No, non lo faccio. Non so se è una cosa buona o una cosa cattiva. C'è chi mi dice, 'Oh tu hai un sacco di brani lasciati dal passato,' e io dico, 'Non li posso usare'. Non posso utilizzare canzoni perché sono sempre in movimento. In realtà non mi rifaccio a quelle"

Stai andando in un tour con The art of doing nothing - sei eccitato o nervoso nel suonare in locali più piccoli dopo i concerti con i Take That in grandi stadi?

"Non ne ho idea. Sono eccitato e nervoso e tutto il resto, non vedo l'ora di alzarmi e suonare le canzoni dal vivo. Quando stai facendo gli spettacoli con Take That, creativamente si può osare e diventare folli! (...) Quindi sto andando verso una nuova avventura davvero, sto guardando molto al futuro"

Sappiamo che hai già detto che Take That non lavoreranno su nuova musica fino al prossimo anno, ma avete parlato del luogo dove lo registrerete?

"Abbiamo avuto un paio di colloqui, ma molto pochi al momento. Penso che a seconda di dove si registrerà l'album sia una grande indicazione di ciò che sarà. Ho trovato, come band, che la posizione che scegliamo è sempre piuttosto importante. Sentivo importanti New York e Los Angeles. Erano i posti giusti per registrare Progress, e per The Circus era decisamente Notting Hill. Perciò, dove andremo è quasi altrettanto importante"

  • shares
  • Mail