Gerardo Pulli - Sport video ufficiale

Gerardo Pulli presenta il video ufficiale del nuovo singolo, Sport, che anticipa l'uscita dell'album di inediti prevista per il prossimo autunno.

Gerardo Pulli presenta il video ufficiale del nuovo singolo, Sport, che anticipa l'uscita dell'album di inediti prevista per il prossimo autunno

Dopo quasi un mese dall'uscita del singolo, è finalmente disponibile la clip musicale (diretta da Stefano Poletti) di Sport, l'ultimo successo di Gerardo Pulli, vincitore della scorsa edizione di Amici. Tutto appare molto futuristico, in un ideale iperuranio fantascientifico privo di ogni dimensione spazio - temporale. Negli scorsi giorni, il giovane cantautore si è lasciato andare ad una lunga riflessione sui social network:

Trovo che il web, il social network, rappresentino in questo momento un'ondata di gelo e calore ben miscelati assieme. Ad esempio, mentre nel rapporto diretto, occasionale o non, gli esseri umani s'invitano da sé a indossare "l'abito nuovo" e ad impostare, in CORRISPONDENZA dell' indossare, il volto dell'occasione; che bada bene, lo indossiamo ancor prima dell'incontro a tu per tu con un altro individuo; paradossalmente lo indossiamo non appena entriamo in contatto con la natura. Perché l'uomo ha paura della natura, ma non ne ha il rispetto; poiché io mi ritengo un animale della natura. Appunto in tutto questo travestire, avviene in seguito il trasporto d'attenzione sulla nostra psicologia del linguaggio. Che risulterà più concreto-società nella relazione non occasionale e, più lassista-società nel rapporto occasionale. Quindi la sostanza del rapporto "TU PER TU" è di una presunta FINZIONINIBIZIONE, sia che si svolga tra amici e non.

Rapporti non convenzionali

che, spesso, alterano la consapevolezza del proprio interlocutore ridotto ad essere il pezzo di un mosaico filtrato da uno schermo:

Venendo all'oggi, vi è l'espansione del rapporto "IO E TU". Il social network fa perdere i freni FINZIONINIBITORI in un qualche modo, l'uomo non prova più vergogna dinnanzi al pc, poiché non è uno specchio e non è natura. Si rivela agli altri, se si presta attenzione, in com'é. In tutto questo c'è una condivisione di tutto, ma in realtà, QUASI tutto. Gestiamo noi la situazione, gestiamo noi cosa far vedere e cosa non far vedere, cosa dire e cosa non dire, etc. Ed è una delle più grandi rivelazioni per l'uomo quella che da per esempio Twitter o Facebook, poiché mi fa rendere conto che SONO UN ANIMALE IGNORANTE, senza scrivere sotto che non lo sono. Tutto questo ha un impatto straordinario sul LINGUAGGIO generale. E che preannuncia la mia visione personale di futuro: Meno incontri, spostamenti sempre più rapidi, il social è rapido, generale, impassibile, comunicazione diretta, sintetica, più sincerità, più verità umana, non estetica ma interiore.

A tutto, pero', sembra esserci una soluzione:

Ci pensate che così l'uomo ha la possibilità di leggere di più sé stesso; racchiudersi sempre di più in sé stesso, ed inizierà ad avere sempre più paura della natura, fino a rispettarla. Il computer è uno specchio interiore. Questo porterà ad una scolarizzazione "elettronica" sempre più rapida, diventeremo sempre più bravi a scrivere su una tastiera e a leggerne, il cartaceo non esisterà più. L'uomo esiste perché il primo spirito sulla terra è stato il più grande artista di tutti i tempi. E' stato colui che ha creato l'uomo. L'uomo potrebbe essere il frutto della guerra tra gli "IDEI". L'uomo non deve screditare la preistoria, perché presto anche il "nostro uomo" sarà preistoria.
Questo dice la frase
"SIAMO GLI ESSERI VIVENTI PIU' EVOLUTI
SIAMO GLI ESSERI VIVENTI SCONOSCIUTI"
Ed è per questo che in Dio e credo nel bene e nel male.
Pulli
  • shares
  • Mail