Jovanotti all'Università di Palermo: "Lorenzo è rimasto quello di 25 anni fa" (video)

Lorenzo Cherubini all'Università di Palermo per un'occasione speciale...

Jovanotti è stato ospite dell'Università di Palermo, all'Edificio 15 della Facoltà di Scienze della Formazione, oggi alle 17:30.

Il cantante, che un'ora prima ha incontrato i giornalisti per una conferenza stampa, ha scelto questo modo anche per festeggiare i suoi 25 anni di carriera musicale costellata di grandi successi. Accanto a lui, in cattedra, sono saliti anche Michele Cometa, preside della Facoltà di Scienze della Formazione e Ivano Cavallini, docente di Comunicazione Musicale.

In questo post, potete vedere due momenti del discorso tenuto dal cantante davanti agli studenti emozionati ed entusiasti per la presenza dell'artista.

Davanti a lui, oltre tremila persone hanno ascoltato le sue parole che hanno visto toccare diversi argomenti e temi. Per prima cosa ha parlato del suo rapporto con la città di Palermo:

"Palermo fa parte della mia formazione politico sociale. Dopo le stragi mi sono sentito davvero dentro il Paese, nella sua storia. Quel l'evento che ha scosso la vita dell'Italia mi ha fatto diventare grande. Sono cambiate molte cose anche qui, a Palermo. Le stragi, in ricordo delle quali ho scritto anche una canzone nel 1992, mi sono rimaste dentro"

I venticinque anni di carriera del cantante hanno fatto riaffiorare, in lui, diversi ricordi sulle sue prime esperienze

"Ho fatto qui le prime serate da deejay e da cantante. Proprio per questo ho Palermo e la Sicilia nel cuore"

E il rap con il quale ha iniziato i suoi esordi nel mondo della musica? E' cambiato da quando era giovane?

"Il rap è seguito dai giovani perché parla di loro, parla della loro vita. Io mi sono avvicinato a questo genere per il ritmo, più che per le parole. Lo seguo ancora con passione, ci sono alcuni cantanti come Celestino e Fabri Fibra che mi piacciono particolarmente, altri meno"

Infine, la sicurezza che quello che il pubblico aveva di fronte è lo stesso Jovanotti degli esordi:

"Lorenzo è rimasto quello di 25 anni fa con 25 anni più. Non è cambiato niente ma è cambiato tutto"

Via | Corriere Del Mezzogiorno

  • shares
  • Mail