Ilaria Porceddu, Movidindi nuovo singolo testo e video

Movidindi è il nuovo singolo di Ilaria Porceddu tra i finalisti di Sanremo Giovani 2013 e già concorrente di X Factor

E' in rotazione radiofonica, Movidindi, il secondo estratto di In equilibrio, l'ultimo album di Ilaria Porceddu. Il pezzo è un invito leggero e passionale, quasi carnale al ballo, simbolo e metafora della liberazione del corpo e del rapporto con esso e con la parte più nascosta di se stessi. Qui gli echi di una musica sfrontata e un po’ andalusa incitano alla danza senza timori pudichi.

La canzone vuole ribadire ancora una volta il diritto indelebile alla liberazione della donna, soprattutto quando la minaccia a questo diritto diventa un fatto sociale e culturale così gravemente messo in dubbio. A seguire, trovate il testo e l'audio del pezzo.

E balla balla
che ti passa la paura
e balla balla
che ti passa la paura
quando la vita che ti stringe
come l'argia che ti punge
non ti resta
che il vestito per la sera
e balla balla
che il veleno si distilla
e balla balla
senti il corpo come brilla
che poi magari gira il vento
e almeno senti il tuo lamento
che è un mulino arrugginito
dentro al petto.
E balla balla
che sei libera e sei bella
e balla balla
che il dolore così brilla
e balla balla che c'è il ragno
che t'aspetta e balla forte
a chi ti sente che a qualcuno fai dispetto.
Mòvidindi
dantzèndi fintzas a su mangiànu
Arriendi
cu-is peis iscurtzus in su destinu
Movidindi
in su cadinu fai binu sanu
Arriendi
donendi incantu a tottus
E balla balla
sulla vita che è una sola
e balla balla
che il bicchiere ci consola
e balla balla su 'sto cielo
a manovella che non gira
e ti s'incolla
quando il sogno non si impasta
e balla balla che si illumina il più bello
se la tua anima resiste
falle perdere il controllo
è il momento di ballare
sotto un altro temporale
sopra un letto sfatto
e ancora da rifare.
Mòvidindi
dantzèndi fintzas a su mangiànu
Arriendi
cu-is peis iscurtzus in su destinu
Movidindi
in su cadinu fai binu sanu
Arriendi
donendi incantu a tottus
Seu una femmia ca bòlli bolài
poitta crasi no arrennesciu a torrai
de no bòllu po' nudda sa faùla
bòllu fetti e po' sempri dantzai
punga, pinnasa, fogusu
movidindi ca custa una festa
Mòvidindi
dantzèndi fintzas a su mangiànu
Arriendi
cu-is peis iscurtzus in su destinu
Movidindi
in su cadinu fai binu sanu
Arriendi
donendi incantu a tottus.

  • shares
  • Mail