Chris Kelly: i Deftones lo omaggiano dal vivo con la cover di Jump

Il tributo della band metal al rapper americano, scomparso tre giorni fa per presunta overdose.

Un omaggio più culturalmente crossover era difficile da immaginare: i Deftones, toccati di recente dal lutto per la scomparsa del bassista Chi Cheng, hanno voluto ricordare Chris Kelly dei Kris Kross, morto due giorni fa a 34 anni, con un mash-up molto particolare tra Jump, la hit più famosa del duo di rapper formato da Chris Kelly e Chris Smith, con la loro Engine No.9, contenuta nel primo album della band metal, Adrenaline.

L'omaggio è stato suonato la sera del 1 maggio mentre la band calliforniana era impegnata in un concerto a St. Louis, in Missouri: il cantante Chino Moreno ha introdotto lo strambo, ben riuscito e divertente mash-up ricordando il frontman dei Kris Kross con un breve saluto e indicando il batterista Abe Cunningham, che come estremo tributo al defunto Chris Kelly ha indossato la maglietta al contrario e con il davanti-dietro, imitando il vecchio stile dei Kris Kross che erano soliti portare i vestiti al contrario.

Della performance è stato registrato da un fan dei Deftones un video traballante, prontamente caricato su Youtube a testimonianza dell'inusuale tributo: una band di metal che coverizza una hit pop, o meglio di hip-hop leggero, uscita nel 1992 e subito diventata famosissima e acclamatissima, mentre nello stesso periodo i Deftones erano impegnati a farsi conoscere come gruppo di supporto dei Korn... può succedere solo nella musica, un omaggio così.

Nel frattempo l'autopsia sul corpo di Chris Kelly, trovato incosciente in casa nel pomeriggio di mercoledì scorso e deceduto in seguito all'ospedale di Atlanta, è terminata e sono state chiarite le cause del decesso. La supposta overdose era vera: il cantante e rapper americano è morto per un'overdose di speedball, una mistura di eroina e cocaina che nel mondo della musica e del cinema è tristemente nota per aver ucciso moltissimi artisti tra cui John Belushi, River Phoenix, Layne Staley degli Alice in Chains, Hillel Slovak (primo chitarrista dei Red Hot Chili Peppers) e Paul Gray degli Slipknot. La madre di Chris Kelly ha confermato come il figlio abusasse continuativamente di droghe, che già in passato gli avevano causato molti problemi di salute e crisi simili a quella che poi gli è stata fatale.

  • shares
  • Mail